Catania

Catania, in coma dopo un incidente: parte raccolta fondi per aiutare Marco

marco scuto raccolta fondi
Catania, parte una raccolta fondi per Marco Scuto, 19enne rimasto coinvolto in un incidente stradale ed attualmente in coma. Per lui necessario un intervento che richiede il trasferimento in Austria.

Risale alla notte del 19 ottobre 2020 l’incidente in cui è stato coinvolto Marco Scuto, 19enne, che stava rientrando a casa col motorino e che adesso si trova in coma. La speranza del suo risveglio viene riposta in un intervento che richiederebbe un trasferimento in Austria, precisamente a Innsbruck.

A causa dei costi elevati richiesti, scatta un’iniziativa di solidarietà con una raccolta fondi, dal titolo “Forza Marco”, indetta dal suo professore di Scienze Motorie,  Andrea Scuderi dell’istituto tecnico economico “E. De Nicola” di San Giovanni La Punta che esprime così il proprio appello di aiuto: “Io mi sono fatto promotore di questa iniziativa al De Nicola per una raccolta fra gli studenti e i professori. Ho chiesto autorizzazione alla preside e poi ai genitori. Tutti quanti noi insegnanti abbiamo fatto un bonifico secondo quello che ognuno si sentiva di fare. Ho ricevuto telefonate di persone per chiedermi se fosse vero il messaggio che circola, è tutto vero. Marco era uno dei miei alunni più affettuosi“.

Ad unirsi all’iniziativa anche la madre di Marco, Rossana Lo Re, che su Facebook ha condiviso il seguente post:Carissime amiche e amici, sono venuta a conoscenza dell’apertura di una campagna di solidarietà per mio figlio Marco, che come sapete è in coma dalla notte del 19 ottobre 2020, che si sta diffondendo tra voi e i vostri contatti, nata dal nobile gesto di un professore dell’Istituto polivalente di San Giovanni La Punta, docente di Marco, fattosi promotore di questa generosa iniziativa e che non smetterò mai di ringraziare. Io e mio marito, come ogni genitore farebbe per il proprio figlio, stiamo cercando di dare tutte le cure possibili a Marco. Si è prospettata anche l’ipotesi di un possibile trasferimento in un centro risvegli in Europa. Potete immaginare la confusione che dimora nella nostra mente insieme al grande dolore che da oltre 5 mesi scalfisce il nostro cuore. Ed è proprio con la mano sul cuore che ringrazio tutti coloro che vorranno aderire all’iniziativa nata dalla sensibilità e dalla bontà di un bravo uomo che nel giro di poche ore è dilagata a macchia d’olio, questo mi dà sempre più la conferma che noi uomini sappiamo essere solidali, che riusciamo a provare empatia aiutandoci l’un l’altro. Ringrazio immensamente anche coloro i quali vorranno aiutarci attraverso la preghiera a Dio, affinché il Padre possa ascoltare le nostre suppliche”.

Coloro che volessero partecipare alla donazione, possono farlo attraverso il codice IBAN: IT73Q0200816937000106099054.