News

Coronavirus Sicilia, il Cts regionale: “La zona gialla non funziona”

musumeci ordinanza
Secondo quanto comunicato dal Comitato Tecnico Scientifico la zona gialla non funziona, poiché si avrà un incremento dei contagi, dei ricoveri e dei decessi. Per tali motivi, invitano a cambiare strategia.

La suddivisione a fasce, secondo il Cts non è una buona strategia in particolare la zona gialla non funziona. Con quest’ultima frase si intende che dopo due settimane senza restrizioni si ha un aumento dei ricoveri ordinari già dopo 3 settimane, ingressi in terapia intensiva dopo 3/4 settimane e decessi dalla quarta settimana in poi. Secondo il cts, infatti, bisogna cambiare strategia. 

Secondo questo modello, in Sicilia, l’aumento più significativo si registrerà in questa settimana, mentre tra due settimane aumenteranno i ricoveri in terapia intensiva. 

“Ci avviamo lentamente verso una situazione identica a quella di altre regioni – spiega Antonino Giarratano, professore di Anestesia e Rianimazione all’università di Palermo e membro del cts regionale, su Larepubblica.it – Ormai è assodato che la zona gialla non funziona e che questo sistema a colori porta a due settimane di recupero, seguite da due settimane di recrudescenza della pandemia in cui i sacrifici fatti non servono a nulla. L’economia e il commercio non hanno beneficio da questo sistema. Non sappiamo se il cts nazionale proporrà nuovi modelli in grado di correggere i vizi attuali”.

Secondo quanto indicato, nel corso della giornata di ieri sono stati registrati 478 nuovi  positivi al Coronavirus. Le nuove vittime sono invece 18. 

 

Speciale Test Ammissione