Attualità

Sicilia tra zona rossa e zona arancione: picco di contagi in alcune province

Sicilia Zona Arancione Covid
Continuano a salire i contagi in Sicilia. Le zone rosse salgono a sette e probabilmente aumenteranno nei prossimi giorni. Gli scenari che attendono l'Isola.

La curva dei contagi sale e la Sicilia si comincia a macchiare di rosso. Ad oggi sono sette i comuni dell’isola dichiarati in zona rossa: Ramacca (CT), Castel di Iudica (CT), Messina, Capizzi (ME), Milena (CL), Ravanusa (AG) e Santa Flavia (PA).

L’aumento dei positivi che trapela dagli ultimi report evidenzia nuovi e possibili scenari rossi in più province siciliane. Nonostante le politiche restrittive applicate nell’ultimo periodo, i numeri non scendono. Infatti si contano 41.506 attuali positivi in tutta l’isola, raggiungendo così il valore più alto dall’inizio della pandemia.

Il tasso dei contagi in Sicilia resta uno dei più lati in Italia. Ed è proprio per questo motivi che la nostra isola, in attesa di venerdì, giornata in cui i colori delle regioni verranno aggiornati, si prospetta come una possibile candidata alla zona rossa.

Allo stato attuale delle cose, la regione rientra nella fascia arancione. Nel periodo tra il 4 e il 10 gennaio si sono verificati gli aumenti: Siracusa (+18,1%) è stata la provincia che ha registrato l’incremento più alto dell’isola, seguito da Messina (+17,1%), Trapani (+17%) e Caltanissetta (+15,1%).

Nell’ultima settimana l’indice Rt è aumentato. Attualmente il governo ha fissato la soglia massima di 250 contagi settimanali per 100 mila abitanti e, se verrà superata, lo step successivo sarà il lockdown. Le regioni italiane che probabilmente si tingeranno di rosso sono Veneto, Emilia-Romagna e il Friuli-Venezia Giulia.

D’altra parte, il governo regionale sembra essere pronta al cambiamento di colore. L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha inviato al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, la relazione del Cts regionale, che invita ad annoverare la Sicilia tra le zone rosse nazionali “per non meno di tre settimane, a prescindere dal livello di rischio che verrà assegnato alla regione. Anche Leoluca Orlando, sindaco di Palermo e presidente dell’Anci, concorda con l’esecutivo regionale ed esorta ad un cambiamento di colore che interessi il capoluogo siciliano, Palermo, e la città metropolitana di Catania.

Rimani aggiornato