News

Buoni per visitare gratis la Sicilia: la Regione avvia il secondo bando

Turismo in Sicilia spiagge
La Regione Siciliana avvia anche il secondo bando del progetto che permetterà ai visitatori di esplorare l'Isola gratuitamente. Già 120 le manifestazioni di interesse.

La Regione Sicilia avvia il secondo bando del progetto “See Sicily“, con il quale si invitano le agenzie di viaggio e i tour operators a presentare manifestazione di interesse per l’acquisto dei servizi di escursione, da parte del Dipartimento del turismo della Regione Siciliana. Con il progetto si mira a potenziare l’attrattività della Sicilia, attraverso una serie di voucher e buoni spendibili nella regione al raggiungimento di un certo numero di notti di pernottamento.

Anche questo avviso dell’assessorato regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacol della Regione Sicilia, che ha un plafond di 14 milioni 121mila euro, “mira – spiega l’assessore regionale del Turismo Manlio Messinaa promuovere la Sicilia come meta ideale per le vacanze attraverso l’acquisizione da parte della Regione Siciliana di servizi turistici che saranno, successivamente, resi disponibili ai turisti gratuitamente, tramite i cosiddetti “voucher”.

Nell’escursione gratuita va incluso – a scelta dell’operatore economico – un servizio di transfer andata e ritorno dall’hotel o da un sito di rilevanza turistica (es. centro cittadino; grand hotel; stazione; aeroporto) andata e ritorno oppure una guida/accompagnatore e deve svolgersi in uno dei siti Unesco ovvero in un luogo di interesse culturale, storico, naturalistico nell’ambito del territorio di una delle provincie siciliane, da selezionare al momento della presentazione dell’istanza sulla base di un elenco stabilito dall’assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo, stazione appaltante.

Infine, è iniziata ieri la fase che ha già visto la presentazione fino ad ora di oltre 120 manifestazioni di interesse, pratiche già protocollate, e di più di 250 registrazioni da parte delle strutture alberghiere che hanno risposto all’avviso dei giorni scorsi sul sito https://seesicily.regione.sicilia.it/. “I numeri sono già molto interessanti – dice Messina – e sono certo che cresceranno di giorno in giorno, ci aspettiamo un boom di registrazioni e adesioni, in questo momento così difficile per l’intera economia siciliana”.

L’intervento rientra nel Programma Operativo Fesr Sicilia 2014 – 2020 – Asse prioritario 6 – Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse. Azione 6.8.3 Sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche.

Università di Catania