Altro

Reddito di Emergenza: arriva la proroga con il decreto agosto 2020

reddito di emergenza
La proroga scade il 15 ottobre 2020. Ecco categorie, requisiti necessari e modalità per richiedere il Reddito di Emergenza.

Il Reddito di Emergenza, sussidio facente parte del Decreto Rilancio, è stato prorogato di un mese con il decreto agosto. I richiedenti avranno tempo di presentare domanda all’INPS entro il 15 ottobre 2020 e potranno dunque ricevere un secondo assegno.

Il rinnovo del sussidio si aggira a una quota che va da 400 e 800 euro, arrivando a 840 nel caso in cui, nel nucleo familiare beneficiario, dovesse esservi anche una persona affetta da disabilità grave.

Come richiedere il sussidio economico

Per consentire di presentare la domanda per il REm più agevolmente, è stato attivato il servizio online INPS. Basta accedere al portale, inserire le proprie credenziali, compilare il modulo di domanda per il Reddito di Emergenza per poi trasmetterlo per via telematica.

Tre novità molto importanti riguardano il REm: la proroga della scadenza per la presentazione della domanda al 15 ottobre 2020; la possibilità di ottenere il sussidio attraverso il servizi dei Centri di assistenza fiscale (Caf); limitatamente alla fase di emergenza ed entro e non oltre il 30 ottobre 2020, anche i nuclei familiari che occupano abusivamente un immobile, in presenza di minori e/o soggetti meritevoli di tutela (malati gravi, portatori di handicap, in difficoltà economica e senza dimora) hanno diritto ad accedere al Reddito di Emergenza.

Quali sono i requisiti necessari per richiedere il Reddito di Emergenza

Il Rem previsto dal decreto Rilancio 2020 sarà destinato a circa un milione di famiglie e avrà la durata di due mesi. Per poter ottenere il sussidio, è necessario disporre di diversi requisiti: residenza italaliana; reddito mensile inferiore al REm, patrimonio mobiliare sotto ai 10 mila euro (fino a 20 mila considerati gli altri componenti del nucleo familiare), un reddito ISEE 2020 inferiore ai 15 mila euro. Il Reddito di Emergenza non è cumulabile con il Reddito di Cittadinanza.

Chi può richiedere il REm

Il REm spetta a delle categorie ben precise: precari; lavoratori in nero; lavoratori irregolari; lavoratori intermittenti; badanti, babysitter; colf; lavoratori che hanno terminato il sussidio di disoccupazione; lavoratori stagionali (bagnini, camerieri, addetti alle pulizie, animatori turistici); fast job (contrattisti a giorni, settimane o a qualche mese).

Il Reddito di Emergenza, vista la proroga del decreto Agosto, verrà erogato per due mesi.

Speciale Test Ammissione