Altro

Centri commerciali aperti domenica: l’ordinanza della Regione Sicilia

centri commerciali

Centri commerciali aperti domenica – Secondo l’ultima ordinanza regionale, ovvero quella del 2 giugno, si mira a disporre la chiusura di possibili spazi di assembramento, come nel caso degli esercizi commerciali. Tuttavia, se in un primo momento sembrava che sarebbe stata prorogata la chiusura domenicale di queste attività, appunto per evitare rischi di contagio, sembra che adesso si proceda verso una riapertura più elastica.

Centri commerciali aperti domenica: quando?

Infatti, grazie alla definizione di un’intesa con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e datoriali, potrebbe essere disposta la riapertura domenicale di centri commerciali, supermercati ed outlet. Entro domani i vertici regionali delle organizzazioni di categoria e sindacali discuteranno sulla questione e potrebbero disporre la riapertura dei centri commerciali già da domenica 7 giugno. In tal modo, sarebbe possibile una modificazione dell’ordinanza in vista di una maggiore flessibilità per le attività rimaste chiuse negli scorsi mesi.

Inoltre, alle attività che riapriranno la domenica, sarà possibile concedere una chiusura prolungata che non vada oltre le 23:30 e di rinunciare al giorno di chiusura settimanale, per cercare di recuperare le entrate perse durante i mesi di chiusura forzata. Questa disposizione non si applica a pub e ristoranti che hanno già orari di chiusura più prolungati.

Domenica in Sicilia: quali sono le attività aperte

La riapertura domenicale dei singoli esercizi commerciali è stata disposta, invece, per i comuni turistici della Regione, come Catania, in cui il sindaco Pogliese ha già attuato l’apertura al pubblico purché le attività commerciali siano in grado di “garantire il rispetto delle misure di prevenzione e di contenimento del contagio“.

Non sono interessate alla riapertura domenicale attività come farmacie, edicole, i fiorai, i bar, i mercati c.d. “del contadino” e/o similari, i panifici e le attività di ristorazione, che seguiranno i normali giorni e orari di apertura.

Invece, l’autorizzazione di effettuare anche nei giorni domenicali servizi di consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia in quello della media e grande distribuzione, resta invariato.