Tecnologia e Social

Nuovo digitale terrestre, come verificare copertura segnale

I consigli su come capire se si è in grado di ricevere il segnale del nuovo digitale terrestre dal canale test.

Era soltanto il 2009 quando si avviò il passaggio dall’analogico al digitale terrestre che cambiò il nostro modo di guardare la tv, con molti più canali presenti sulla nostra tv. Allora fu corsa ai decoder per adeguarsi al cambiamento.

Adesso, circa 10 anni dopo una nuova rivoluzione che riguarderà il digitale terrestre, che cambia lo standard di trasmissione e passa all’MPEG-4 passando al DVB-T2. Questo standard sarà presente in tutta Italia dal 2022 ma già dal 2021 si comincerà a trasmettere in diverse regioni.

Perché cambia il segnale

Il cambiamento si è reso necessario, perché le frequenze attuali, che viaggiano sui 700 MHz, dovranno lasciare spazio al 5G dei cellulari. Questo produrrà meno spazio sulla banda e quindi si è pensato di spostare il tutto su nuove frequenze.

Ci guadagniamo in qualità però, in quanto il nuovo segnale consente il supporto della risoluzione in 4k o in 8 k, ed ha una migliore qualità audio e video, oltre ad avere più canali in HD.

Non tutti gli apparecchi attuali supportano il nuovo digitale terrestre, quindi per alcuni sarà necessario comprare un nuovo decoder per poter continuare a guardare la tv.  Si potrà comunque accedere ai bonus previsti dal governo.

Come verificare il segnale col canale test

Per verificare che il televisore è compatibile con le nuove frequenze e non va cambiato si può utilizzare un canale test. La procedura e molto semplice, basterà digitare 200 sul telecomando e sintonizzarsi sul canale. Se nella schermata appare la scritta “Test HEVC Main10” il vostro apparecchio è in linea con gli standard richiesti. Se non appare nulla, invece, bisognerà comprare un nuovo decoder per ricevere il segnale.

Il canale test è stato lanciato per ora da Mediaset ed è attivo al numero 200, ma da oggi è attivo pure quello Rai, al numero 100.