Catania

Scoperta discarica abusiva dentro immobile del Comune: denunciato operatore ecologico

Foto archivio
Reato ambientale nel quartiere periferico di Catania. In un locale di proprietà del Comune venivano "smaltiti" rifiuti speciali pericolosi

Nei giorni scorsi, su disposizione del Questore Mario Della Cioppa, personale del Commissariato Librino ha effettuato controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di Librino concentrando la propria attenzione sulle occupazioni abusive degli immobili di proprietà del Comune di Catania e dei reati ambientali.

Particolare rilievo assume il sequestro penale di una bottega di proprietà di detto Comune ubicato in Viale Moncada dove 2 soggetti, dopo averla occupata illegalmente, vi hanno realizzato un’attività illegale di gestione e raccolta di rifiuti speciali anche pericolosi (materiale ferroso, batterie di autovetture non bonificate, scaldabagni e via discorrendo); fatto di rilievo è che uno di detti soggetti, indossante la divisa da operatore ecologico, che aveva da poco ultimato il turno di servizio, svolge regolare attività nel settore ambiente e, in particolare, lavora alle dipendenze di una società che opera nel territorio di Catania in materia di raccolta differenziata e tutela delle procedure volte al regolare smaltimento dei rifiuti.

Pertanto, i gestori di detta attività di raccolta illecita di rifiuti sono stati indagati in stato di libertà per il reato ambientale di gestione illegali di rifiuti speciali e occupazione illegale edificio pubblico; nella circostanza, si è proceduto anche al sequestro penale dell’ingente quantitativo di rifiuti speciali.

Altresì, in detta bottega sono stati rinvenuti anche fuochi d’artificio che sono stati riposti dal figlio del netturbino che, per tale motivo, è stato indagato in stato di libertà unitamente ad altro soggetto per detenzione e vendita di materiale esplodente, tra cui manufatti tipo caramelle.