Università

Finanziamenti alle università: la classifica 2019 degli atenei italiani

Fioramonti aggiunge nuovi metri di giudizio per la quota "premiale" dell'assegnazione di fondi alle università. Di seguito la classifica.

Il ministro dell’Istruzione Fioramonti ha introdotto nuovi parametri per il conferimento di fondi finanziari alle Università. Le linee guida nella valutazione della qualità della ricerca 2015-2019 (Vqr) riguardano l’aggiunta di altri canali di valutazione degli atenei dai quali desumere una valutazione e far partire i finanziamenti, i quali si aggiungono a quelli ordinari.

Facendo una stima dei fondi conferiti alle Università per l’anno 2019 si arriva a circa 7,45 miliardi di euro, tra i quali va fatta una distinzione tra i fondi conferiti in via straordinaria per specifici progetti o per le borse di studio, e il Fondo di finanziamento ordinario. Il Ffo si assegna calcolando una quota base in aggiunta ad una premiale e alla perequazione. Nello specifico, la quota premiale annuale, che risulta essere quella che più influenza la cifra finale, si calcola per i 3/5 tenendo conto dei dati dell’anno precedente, per 1/5 sul reclutamento annuale e per il rimanente 1/5 per l’autonomia gestionale dell’ateneo.

La classifica dell’anno 2019 vede in testa la Cà Foscari di Venezia, seguita dall’università statale di Milano e da Padova. Le università siciliane di Catania e Palermo si trovano, rispettivamente al quarantatreesimo e al cinquantesimo posto, mentre Messina è in coda insieme a Trento. Ecco la classifica generale:

I cambiamenti sulla valutazione degli atenei saranno introdotti a partire da un bando Anvur, la cui uscita è prevista per gennaio 2020 e prevedono un ampliamento dei prodotti valutati dal Gev (Gruppo di esperti valutatori) presso le università. Infatti, si conta di aggiungere alla quotazione attuale un incremento dato dalle ricerche scientifiche condotte dai dottorandi e dalle proposte degli atenei sul problema ambientale, tramite la proposta di casi studio e soluzioni tecnologiche innovative. Si prevede un’attuazione dei provvedimenti per il 2021.