Altro

Bando concorso scuola: i requisiti per partecipare

classe vuota
Manca poco ormai e gli aspiranti insegnanti sono sempre più in attesa della pubblicazione del bando concorso scuola: ecco tutte le info al riguardo.

Non dovrebbe mancare molto all’attesa pubblicazione del bando del concorso scuola. Dopo la recente approvazione alla Camera prende corpo il nuovo maxi reclutamento di docenti negli istituti scolastici italiani, che dovrebbe dare lavoro e stabilizzazione a circa 50mila insegnanti. Il bando non è ancora stato approvato definitivamente, tuttavia manca davvero poco. Vediamo quali sono gli step mancanti e cosa prevede di preciso.

Bando concorso scuola: cosa manca all’approvazione

Il percorso del Decreto Scuola è iniziato tempo fa, con la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sul decreto. Tra le altre misure, al suo interno era prevista anche l’approvazione dei concorsi scuola. A tal riguardo, all’inizio di questo mese è finalmente arrivato il sì della Camera, che prevede l’avvio di ben tre concorsi scuola da far partire nel 2020.

Manca adesso l’approvazione del Senato. Solo con la seconda conferma inizierà quindi l’iter che porterà a trasformare il Decreto in legge, consentendo l’avvio immediato dei concorsi. Attenzione, però: i concorsi dovranno essere approvati entro la fine dell’anno. Per la precisione, entro il 29 dicembre. Dopodiché toccherà ai candidati, a seconda dei propri requisiti, partecipare a uno dei concorsi, che potrebbero partire già dai primi mesi del 2020. Si ricorda, inoltre, che si potrà fare domanda solo nelle regioni in cui si prevedono posti vacanti e disponibili nel triennio 2020/2023. Il concorso è nazionale, ma sarà articolato su base regionale, dunque sarà possibile concorrere per una sola regione, per una sola classe di concorso o in alternativa per i posti di sostegno.

Concorso straordinario scuola 2020

Il primo bando del concorso scuola preso in considerazione riguarda il concorso straordinario del 2020. Previsti 24mila posti di lavoro per la procedura concorsuale rivolta a tutti i docenti considerati precari. Questi i requisiti previsti dal concorso:

  • Titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso.
  • Tre anni di servizio, anche non consecutivi, tra l’a.s. 2011/12 e l’anno scolastico 2018/19 su posto comune o di sostegno, esclusivamente se prestato nelle scuole secondarie statali.
  • Almeno un anno di servizio (di nuovo se prestato nelle scuole secondarie statali) deve essere stato svolto per la classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre.
  • Per accedere al concorso per i posti di sostegno è necessario essere in possesso della relativa specializzazione.

Il servizio è valido se prestato come insegnante di sostegno oppure in una classe di concorso compresa tra quelle di cui all’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2016, n. 19, e successive modifiche.

Concorso ordinario scuola 2020

Il bando di concorso scuola ordinario interessa invece soprattutto ai neolaureati, che avranno l’occasione di inserirsi da subito in graduatoria e poter insegnare. Come il precedente, anche in questo caso i posti a disposizione sono 24 mila per docenti da suddividere tra posto comune e sostegno, rispettivamente ai quali cambiano i requisiti d’accesso. Per i posti comuni è necessario:

  • Abilitazione all’insegnamento, anche per altri ordini di scuola e/o classi concorsuali.
  • Titolo di studio necessario per accedere alla classe di concorso di interesse (laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato) + 24 crediti universitari in materie psico-antro-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Nel caso degli insegnanti tecnico-pratico (ITP) si richiede come titolo d’accesso il il diploma della classe della scuola secondaria superiore e non occorrerà ottenere i 24 CFU. Per quanto riguarda, infine, gli insegnanti di sostegno, si richiede un’idonea specializzazione.

Concorso ordinario primaria e infanzia

Ultimo ma non per importanza, col decreto scuola arriva anche il bando di concorso scuola per il concorso ordinario della scuola primaria e dell’infanzia. In questo caso le assunzioni previste dovrebbero essere circa 17mila, suddivise tra il 2020/21 e il 2021/22. I requisiti a chi desidera partecipare sono:

  • Laurea in Scienze della formazione primaria;
  • Diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali ( o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente) conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.
  • Analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto dal Miur.

Per chi volesse accedere ai posti di sostegno, infine, sarà necessario possedere, oltre ai requisiti precedenti, anche tiitolo di specializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativa vigente.