Eventi

Catania si mobilita per il clima: in arrivo nuovo sciopero globale

Una foto degli scioperi del 2019.
Nuovo sciopero globale per il clima: anche Catania tra le città in cui sono previste manifestazioni.

A meno di un anno dal primo sciopero globale per il clima del 15 marzo 2019, la città di Catania scende in piazza nuovamente per manifestare a favore dell’ambiente. La città etnea, aderendo alla serie di eventi internazionali,  si dà appuntamento venerdì 27 settembre in Piazza Roma alle ore 9. L’iniziativa è aperta a chiunque abbia a cuore il futuro del nostro pianeta.

Il programma della giornata:

  • 09:00 – 09:30: raccolta dei partecipanti in Piazza Roma
  • 09:30 – 12:00: corteo verso Piazza Università
  • 12:00 – 13:00: comizio degli attivisti in Piazza Università

Il tema della salvaguardia dell’ambiente è uno dei pochi a potersi definire “globale” nel vero senso della parola: il degrado ambientale e i cambiamenti climatici provocati dall’inquinamento non riguardano la situazione di un singolo Paese, ma del mondo intero. Nonostante ciò, i governi nazionali non sembrano rendersi conto della gravità della situazione e – sebbene alcune misure di prevenzione o contenimento siano già state adottate – l’impegno non è ancora abbastanza.

Per questo, nell’ultimo anno, sono diversi gli scioperi globali per l’ambiente: si chiama “Fridays for Future” il movimento per l’ambiente nato grazie all’attivista quindicenne svedese Greta Thunberg, che iniziò le sue proteste con dei sit-it ogni venerdì davanti al parlamento di Stoccolma. Proprio la foto del suo primo sciopero, che la ritrae seduta a terra da sola, è diventata virale in questi giorni.

Louise Macdonald, CEO dell’associazione giovanile scozzese Young Scot, l’ha condivisa su Twitter commentandola così: “Trovo questa foto così incredibilmente commovente, questa è Greta Thunber a 15 anni, seduta da sola fuori dal parlamento Svedese nell’Agosto 2018, il primo sciopero scolastico. In un solo anno, ha creato un movimento che cambierà il mondo intero. Non sottostimate mai il potere di un giovane”. Si stima infatti che venerdì 4 milioni di studenti e lavoratori siano scesi in piazza in centinaia di città in tutto il mondo.