News

Sicilia, ad agosto neutralizzati oltre 40 ordigni bellici nel mare

Sono oltre 40 gli ordigni bellici che da inizio agosto la Marina Militare ha neutralizzato in varie parti del mare di Sicilia: da Palermo a Siracusa e da Trapani ad Agrigento.

Un agosto esplosivo quello siciliano, in cui si sono scoperti diversi ordigni bellici in mare e in diversi punti dell’Isola. È quindi iniziata la ricerca della Marina Militare che si è messa subito in azione per individuare e neutralizzare tutte le bombe che abitavano da lungo tempo i fondali siciliani.

Si tratta di ordigni risalenti alla Seconda Guerra Mondiale perfettamente conservati e per niente danneggiati, quindi altamente pericolosi in caso di contatto. È stato infatti necessario l’intervento dei palombari del GOS, Gruppo Operativo Subacquei, che da inizio agosto fino a pochi giorni fa hanno neutralizzato ben 42 ordigni esplosivi dopo averli trasportati in determinate zone di sicurezza, cercando di non danneggiare l’ambiente marino.

I militari, appartenenti al Comando Subacquei e Incursori della Marina Militare (Comsubin) sono interventi in più punti nel mare siciliano e non sempre lontano dalla costa: per esempio ad Altavilla Milicia, in provincia di Palermo, sono stati trovati proiettili di medio calibro, una bomba da mortaio e una spoletta a tre metri di profondità e a venti dalla costa. Gli altri punti interessati dall’azione della Marina sono stati Cassibile, in provincia di Siracusa, le acque di Favignana, Levanzo e Marinella di Selinunte nel Trapanese, e recentemente quelle di Sciacca, nell’Agrigentino, dov’è stata rimossa una mina anticarro tedesca.

Fondamentale è stata la collaborazione dei cittadini, i quali hanno scoperto gli ordigni e li hanno segnalati alla Capitaneria di Porto o ai Carabinieri. Data la pericolosità di tali ordigni essi non possono essere rimossi da persone inesperte, quindi la Marina consiglia la massima prudenza e l’immediata segnalazione alle autorità nel caso ci si imbattesse in uno di questi manufatti.