Lavoro, stage ed opportunità

Concorso per lavorare all’Università di Catania: si cercano diverse figure

Sei posti di lavoro a tempo determinato: l'Università di Catania ricerca laureati e non per espletare diverse attività e progetti all'interno dell'ateneo.

Con apposito bando di selezione, pubblicato sul proprio sito ufficiale, l’Università di Catania ricerca sei figure idonee per svolgere incarichi lavorativi in diversi ambiti: dalle attività amministrativo-economiche, ai servizi di assistenza per i disabili, per giungere alla gestione delle risorse naturali per conto del CUTGANA.

Per partecipare alla selezione, ci sarà tempo fino al prossimo 30 luglio, data ultima in cui presentare le proprie candidature. Pur non essendoci pre-requisiti specifici per la partecipazione, oltre il consueto possesso della cittadinanza italiana, dei diritti politici e – ovviamente – della maggiore età, tutti i candidati dovranno possedere adeguate capacità fisiche ed essere in regola con gli obblighi militari, accanto a basilari competenze informatiche e conoscenza della lingua inglese.

Naturalmente, restrizioni più selettive si hanno a proposito di titoli di studio e curriculum, variabili a seconda degli incarichi da espletare. Tra i posti disponibili, uno è riservato ai servizi per l’accoglienza dei disabili e per tale mansione requisito fondamentale è la laurea in psicologia ed esperienza documentata in merito. Di più i posti disponibili per la gestione delle riserve naturali, per un totale di tre. Le figure richieste, in questo caso, sono un ingegnere informatico, con annesse esperienze lavorative e due diplomati che abbiano svolto almeno due anni di esperienza con attività lavorative per conto di un qualsiasi ateneo nazionale.

Infine, gli ultimi due posti riguardano il progetto europeo Interreg Italia-Malta, per il quale sono previste 18 ore settimanali di attività; in questo caso, uno dei due neo-assunti dovrà presentare certificazioni idonee alla figura di manager in programmazione mentre il secondo dovrà disporre di una laurea in biologia ed esperienza quinquennale da consulente di organizzazioni nazionali.

Sul piano pratico, la selezione terrà conto dei titoli posseduti, con un punteggio massimo di dieci punti e di un colloquio di idoneità, per il quale il massimo assegnato sarà di venti punti. Quanto all’aspetto economico,  il contratto è annuale, con possibilità di rinnovo per due anni ad eccezione degli assunti al programma Interreg. Per questi e gli altri assunti con laurea è previsto una paga lorda di 22mila euro annui, inseriti nella categoria D1; per gli assunti con diploma, invece, la categoria di riferimento è C1, con stipendio complessivo di 18mila euro.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare per:

Rimani aggiornato