Catania

Catania senza solarium, Pogliese: “Enormi ritardi, chiedo scusa ai catanesi”

Foto archivio.
A Catania quest'anno non si potrà usufruire di nessun solarium pubblico: ad annunciarlo è il sindaco Salvo Pogliese, che ha parlato dei ritardi per la costruzione delle strutture.

Questa per Catania sarà un’estate senza solarium. Nello specifico, le due strutture del Nautico e di piazza Europa non verranno mai realizzate: ad annunciarlo è il sindaco Salvo Pogliese, che ha spiegato che i due solarium pubblici potrebbero essere pronti solo per fine agosto.

“Stamattina ho annunciato alla stampa che in pochi giorni tutte e tre le spiagge libere saranno ripulite, allestite e rese fruibili. – ha scritto Salvo Pogliese – Allo stesso modo, la passerella per i disabili di San Giovanni Li Cuti verrà approntata dalla Multiservizi e sarà fruibile. I due solarium del Nautico e di piazza Europa non verranno realizzati”. 

“Come sapete – spiega il sindaco di Catania – la ditta che si era aggiudicata l’appalto (con un ribasso del 33,7%…), nella cui procedura si sono accumulati degli enormi ritardi, non ha mai iniziato i lavori. Il 9 giugno il Comune ha avviato le procedure per la rescissione del contratto, divenuta effettiva dal 18 giugno. Interpellate, le altre aziende che avevano partecipato alla gara d’appalto, hanno lasciate trascorrere il termine di tre giorni senza rispondere. Venerdì 22 abbiamo avuto la certezza che nessuno avrebbe costruito i solarium”. 

“Avremmo potuto procedere attraverso la Multiservizi ma – precisa – tra tempi necessari per espletare la gara e per il montaggio, le strutture sarebbero state consegnate alla fine di agosto. Ebbene: trovo offensivo nei confronti dei miei concittadini spendere trecentomila euro di denaro pubblico  (in un momento di così grave difficoltà per le casse comunali) per pochi giorni”. 

“L’impegno mio e della giunta – conclude Salvo Pogliese –  segnatamente dell’assessore Sergio Parisi che avrà la delega al mare, è che questa situazione non si ripeta più. Per il 2019 e per gli anni a venire il nostro impegno è quello di consegnare i solarium pronti già dal 1 giugno. Intanto, pur non avendo responsabilità, chiedo scusa alla città e ai catanesi per ciò che è accaduto”.

Speciale Test Ammissione