Attualità

Oggi sciopero generale dei medici: “40.000 interventi a rischio”

Scioperano per 24 ore i medici, veterinari e dirigenti sanitari dipendenti del Servizio sanitario nazionale. Manifestazioni in tutta Italia e rischio caos negli ospedali.

Martedì nero per la sanità italiana: oggi infatti scioperano per 24 ore medici, veterinari e dirigenti sanitari dipendenti del Servizio sanitario nazionale. Lo sciopero interesserà i lavoratori strutturati e precari, compresi quelli storici della ricerca e gli assunti con contratti di dieci giorni, che causerà domani la sospensione di 40.000 interventi chirurgici, di centinaia di migliaia di visite specialistiche e prestazioni diagnostiche. La protesta inoltre comporterà il blocco di tutta l’attività veterinaria connessa al controllo degli alimenti.

Quali sono i motivi dello sciopero? Il motto sembra essere “La sanità chiude un giorno per non chiudere per sempre”. Le organizzazioni sindacali “denunciano i contenuti della legge di bilancio 2018 all’esame del Parlamento, in quanto reiterano politiche sempre meno orientate all’obbligo di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini, secondo principi di equità e sicurezza, ed escludono con pervicacia la sanità pubblica dalla ripresa economica in atto fino a renderla non più sostenibile se non dalle tasche dei cittadini”. Sempre i sindacati “deplorano l’assenza di politiche nazionali a favore di una esigibilità del diritto alla tutela della salute dei cittadini omogenea in tutto il Paese, nel rispetto dell’art. 32 della Costituzione, in una logica di federalismo sanitario di abbandono; additano le politiche degli ultimi governi come responsabili di quel fallimento del sistema formativo che sta, contemporaneamente, desertificando ospedali e territori e condannando alla precarietà ed allo sfruttamento decine di migliaia di giovani”.