Università di Catania

UNIVERSITÀ – Si alzano soglie Isee e Ispe, ma non per gli studenti del Sud

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Roma Politica Scelta Civica presenta proposta per Legge Elettorale Nella foto Stefania Giannini (segretario Scelta Civica)Photo Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Rome (Italy) Scelta Civica party shall present a proposal for the Electoral Law In the photo Stefania Giannini

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Roma Politica Scelta Civica presenta proposta per Legge Elettorale Nella foto Stefania Giannini (segretario Scelta Civica) Photo Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Rome (Italy) Scelta Civica party shall present a proposal for the Electoral Law In the photo Stefania Giannini

Qualche mese fa Stefania Giannini ha firmato il decreto per le soglie ISPE e ISEE, che sono state nuovamente alzate, dopo le polemiche dello scorso anno. Ma molte delle regioni si devono ancora adeguare, con il rischio che gli studenti potrebbero non usufruire delle nuove soglie per le borse di studio. 

L’Isee è stato portato a 23 mila euro, mentre l’Ispe a 50 mila euro. Una buona notizia per gli studenti universitari, ma non per tutti. Il Sud Italia, dopo la firma del decreto, pare sia rimasto indietro.

Emilia Romagna, Piemonte, Lazio e Abruzzo hanno già deliberato il massimo delle nuove soglie. Marche, Lombardia, Puglia, Campania e Friuli non hanno ancora avviato la delibera, ma pare si stiano muovendo per farlo al più presto. A restare indietro sembra siano Sicilia, Sardegna, Calabria, Molise e Liguria, dove ancora non c’è nessuna notizia per l’alzamento delle soglie.