Cronaca

La mafia non c’entra: “È il marito dell’amante l’autore delle minacce”

Dai cani impiccati alle auto bruciate. Sono tante le intimidazioni ricevute negli anni da Pino Maniaci. Ma secondo quanto riportato da palermo.repubblica.it, sarebbe stato il marito della sua amante a compiere tali gesti e ad aver minacciato il giornalista.

pino-maniaci

Indagato per estorsione ai danni di due sindaci di Partinico e Borgetto, Pino Maniaci adesso non potrà più risiedere nelle province di Palermo e Trapani, come disposto dal gip Fernando Sestito. Secondo le intercettazioni, tra i favori richiesti ci sarebbe un posto di lavoro per l’amante.

“Alla scadenza, non poteva essere rinnovato – avrebbe affermato il sindaco di Partinico Lo Biundo durante gli interrogatori – ma Maniaci diceva che dovevamo farla lavorare a tutti i costi e allora io e alcuni assessori ci siamo autotassati per pagarla”. Mentre il giornalista avrebbe detto: “Per quella cosa ho parlato, già a posto, stai tranquilla, si fa come dico io e basta. Qua si fa come dico io se ancora tu non l’avevi capito… decido io, non loro… loro devono fare quello che dico io, se no se ne vanno a casa”.

E ancora: “C’è il sindaco che mi vuole parlare – avrebbe detto all’amante – per ora lo attacco perché gli ho detto che se non si mette le corna a posto lo mando a casa, hai capito? A natale non ti ci faccio arrivare, che te ne vai a casa e non ci scassi più la minchia”.