Lavoro, stage ed opportunità

Concorso RIPAM per 1956 diplomati e laureati: prorogata scadenza

Concorso RIPAM
Concorso RIPAM per il reclutamento di 1956 unità di personale. Il bando è rivolto sia a diplomati che ai laureati: posticipata la scadenza per le domande.

Concorso RIPAM: prorogata al 24 maggio la scadenza per la presentazione delle domande, necessarie per partecipare alla procedura.

Tale bando è finalizzato al reclutamento di ben 1.956 unità di personale non dirigenziale. Le assunzioni sono a tempo determinato e parziale (18 ore settimanali) e presso i Ministeri della Giustizia, Cultura e Istruzione (con sede in tutta Italia).

Si esplicita che sono ammessi alla procedura con precedenza i soggetti già inseriti come tirocinanti nell’ambito della formazione e del lavoro presso le varie sedi dei Ministeri già citati.


 Concorso centri per l’impiego, via alle prove per 537 funzionari: date e info


Assunzioni

Le unità di personale da assumere sono così suddivise:

Presso il Ministero della Cultura

  • Area funzionale III, fascia retributiva F1:

A. Funzionario amministrativo (Codice AMM/TC) – 1 unità a tempo determinato;
B. Funzionario archeologo (Codice ARL/TC) – 73 unità a tempo determinato;
C. Funzionario architetto (Codice ART/TC) – 96 unità a tempo determinato;
D. Funzionario archivista (Codice ARV/TC) – 1 unità a tempo determinato;
E. Funzionario bibliotecario (Codice BIB/TC) – 16 unità a tempo determinato;
F. Funzionario geologo (Codice GEO/TC) – 6 unità a tempo determinato;
G. Funzionario ingegnere (Codice ING/TC) – 24 unità a tempo determinato;
H. Funzionario storico dell’arte (Codice STO/TC) – 1 unità a tempo determinato;
L. Funzionario tecnologo (Codice TEC/TC) – 53 unità a tempo determinato.

  • Area funzionale II, fascia retributiva F2 :

J. Assistente amministrativo gestionale (Codice AAG/TC) – 46 unità a tempo determinato;
K. Assistente tecnico (Codice ATE/TC) – 18 unità a tempo determinato;
L. Assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza (Codice AFA/TC) – 20 unità a tempo determinato;

  • Area funzionale II, fascia retributiva F1:

M. Operatore amministrativo gestionale (Codice OAG/TC) – 17 unità a tempo determinato;
N. Operatore tecnico (Codice OTE/TC) – 38 unità a tempo determinato;
O. Operatore alla fruizione, accoglienza e vigilanza (Codice OFA/TC) – 153 unità a tempo determinato.

Presso il Ministero della Giustizia

  • Area funzionale II, fascia retributiva F1:

P. Operatore giudiziario a tempo determinato (Codice OGI/TG) – 1000 unità a tempo determinato.

Presso il Ministero dell’Istruzione

  • Categoria A-1:

Q. Collaboratore scolastico ATA (Codice ATA/TI) – 393 unità a tempo determinato.

Per  informazioni sulle riserve previste, si rimanda alla lettura integrale del bando.

I requisiti per accedere al bando

Per ambire a prender parte al concorso RIPAM, occorrerà possedere i seguenti requisiti: 

  • essere o essere stati tirocinanti nell’ambito dei percorsi di formazione e lavoro presso le sedi del Ministero della cultura, del Ministero della giustizia e del Ministero dell’istruzione nelle Regioni previste dall’art. 50-ter del decreto legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106;
  • cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell’Unione europea o altre categorie indicate sul bando;
  • avere un’età non inferiore ai diciotto anni;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui la selezione si riferisce. Tale requisito sarà accertato prima dell’assunzione all’impiego;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • inclusione nell’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, né essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana;
  • per i posti da assegnare al Ministero della giustizia: possesso della condotta incensurabile ai sensi dell’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Titoli di studio richiesti per accedere al bando

I candidati dovranno possedere titoli di studio che variano a seconda del profilo per il quale si vuole concorrere:

  • per profili di funzionario di area funzionale III, fascia retributiva F1: laurea, diploma di laurea, laurea specialistica, laurea magistrale;
  • per profili di assistente di area funzionale II, fascia retributiva F2: diploma di istruzione secondaria di II grado conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto;
  • per profili di operatore di area funzionale II, fascia retributiva F1: assolvimento dell’obbligo scolastico o diploma di istruzione secondaria di I grado;
  • per il profilo professionale di collaboratore scolastico ATA di categoria A1: diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma di maturità, attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

Le prove

Il concorso RIPAM, prevede un procedura selettiva divisa in diverse fasi:

  • per posti di area funzionale III, fascia retributiva F1, e di area funzionale II, fascia retributiva F2: una prova selettiva scritta distinta per i relativi codici, che si svolgerà per mezzo di strumenti informatici e piattaforme digitali, anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali. Le commissioni esaminatrici redigeranno le graduatorie finali di merito sulla base dei punteggi conseguiti nella prova selettiva e dei titoli di preferenza e precedenza;
  • per i posti di area funzionale II, fascia retributiva F1, e di categoria A1 presto soltanto un colloquio di idoneità. Le commissioni esaminatrici redigeranno le graduatorie finali sulla base dei titoli di preferenza e precedenza.

Come presentare la domanda

Le persone interessate al bando in questione dovranno presentare ed inviare la domanda telematicamente (usufruendo dello SPID) e compilando il modulo elettronico tramite il sistema “Step one 2019”, entro le ore 14:00 del 24 maggio.