Viaggi

Ryanair, sì al rimborso per i positivi al Covid: come ottenere voucher

Ryanair
Positività al Coronavirus o quarantena? Imprevisti, questi, per via dei quali ora la compagnia Ryanair rimborserà, sotto forma di voucher. Ecco cosa è cambiato nel dettaglio.

Buone notizie per i viaggiatori che si spostano in aereo. Ryanair ha accolto le richieste di diverse associazioni di consumatori italiane ed ha cambiato la propria politica anche nei confronti dei clienti positivi al Coronavirus.

Finora la celebre compagnia aerea low cost ha permesso ai propri passeggeri soltanto di optare per un cambio di data del volo, ma pagando 40 euro a persona.

D’ora in poi, invece, chi prenoterà un volo di cui alla fine, a causa di positività o quarantena, non potrà usufruire riceverà un voucher dello stesso importo speso. Ciò permetterà di non perdere il proprio denaro.

Il voucher: come funziona e come ottenerlo

Per ottenere il voucher, da riscattare ed utilizzare sullo stesso sito Ryanair per un nuovo viaggio, occorrerà compilare un apposito form per poi allegare la specifica documentazione richiesta, ovvero:

  1. certificato medico per quarantena, soggiorno forzato in casa (sotto la supervisione delle autorità sanitarie) o ricovero in ospedale a causa del Coronavirus;
  2. prova di residenza, prova del domicilio o altra documentazione idonea che dimostri che è stato o è vietato lasciare o entrare in una certa area;
  3.  prova di partecipazione a un evento rinviato/sospeso o annullato per rispettare le norme imposte dal Governo italiano.

Si esplicita che ciascun voucher ha una validità di 24 mesi a partire dalla data di emissione.

E se questo voucher non venisse utilizzato nel giro di 2 anni? In questo caso verrebbe automaticamente rimborsato il valore del biglietto originario (o, nel caso di utilizzo parziale del voucher, il valore residuo del biglietto originario).