Attualità

Coronavirus Sicilia, due nuove zone arancioni: quattro in totale

Posto di blocco della polizia
Due nuovi comuni del Ragusano entrano in zona arancione, salendo a 4 i comuni siciliani che si apprestano a seguire le restrizioni di contenimento contagio da zona arancione.

È zona arancione per due comuni del Ragusano. Si tratta di Comiso e Vittoria. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ha firmato l’ordinanza n.86, con la quale partono le restrizioni per contenere i contagi. L’ordinanza sarà in vigore a partire da domani, sabato 28 agosto fino al 6 settembre, giorno che comprende la validità del provvedimento restrittivo.

I comuni che entrano in zona arancione

Salgono dunque a 4 i comuni che entrano in zona arancione. Oltre a Comiso e Vittoria si contano, già dalla settimana precedente, anche i comuni di Niscemi, in provincia di Caltanissetta e Barrafranca, in provincia di Enna.

Ricordiamo che nei comuni in zona arancione le attività commerciali rimangono aperte, ma vige il divieto di uscire al di fuori del territorio del proprio comune.

La zona gialla nell’Isola

Il resto dell’Isola, come è ormai noto, si prepara alla zona gialla, inevitabile visti i 1.097 nuovi casi in Sicilia e il tasso crescente dei ricoveri in terapia intensiva e nei reparti medici. Le restrizioni da zona gialla, attese in tutta l’Isola a partire dal prossimo lunedì 30 agosto, potrebbero presto entrare in vigore. Si attende per oggi, infatti, l’ordinanza del ministro Speranza.

In Sicilia si contavano già 51 comuni in zona gialla, di cui 15 nella sola provincia di Catania. Tra questi: Aci Castello, Castel di Iudica, Fiumefreddo di Sicilia, Grammichele, Gravina di Catania, Mascalucia, Mazzarrone, Motta Sant’Anastasia, Palagonia, Ramacca, San Cono, San Michele di Ganzaria, San Pietro Clarenza, Valverde, Viagrande.

Cosa prevedono le restrizioni

Tra le principali regole della zona gialla ci sono:

  • uso obbligatorio delle mascherine in tutti i luoghi al chiuso e in quelli all’aperto (ad eccezione dei bambini di età inferiore ai 12 anni, di chi è affetto da patologie e di chi svolge attività sportiva all’aperto);
  • green pass  in bar e ristoranti e presenza di massimo 4 persone non conviventi ai tavoli.

Sicilia zona gialla, oggi attesa l’ufficialità: tutte le regole

Università di Catania