Università in pillole

Green pass, mascherine e controlli: come funzionerà l’università

Università ai tempi Covid
Tra pochissimo riapriranno le università ma come far sì che il rientro sia sicuro? Di seguito le disposizioni a riguardo.

La fine dell’estate non è poi così lontana e gli studenti hanno già ripreso a studiare, in vista di esami o test d’ammissione. Ma cosa succederà a breve all’interno degli atenei?

Università: le regole

Secondo le ultime decisioni del Governo, si potrà accedere agli atenei italiani solo con il Green pass. Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, l’obbligo scatterà dal prossimo 1 settembre e varrà almeno fino al 31 dicembre, data segnata fissata decreto come termine dello stato di emergenza.

Se per gli studenti universitari scatteranno controlli a campione, per il personale universitario e AFAM sono previsti controlli costanti e ad hoc: nel caso di questi lavoratori,  l’assenza causata dalla mancanza del Green pass verrà considerata come assenza ingiustificata e, addirittura, dal quinto giorno di assenza è prevista anche la sospensione della retribuzione.

In ogni caso, rimane l’obbligo delle mascherine ed il rispetto di almeno un metro di distanza. Inoltre, è sempre vietato l’accesso nei locali universitari alle persone che hanno una temperatura superiore a 37,5°.

Si esplicita, comunque, che gli atenei garantiranno il diritto allo studio grazie ai servizi di didattica a distanza.

Linee guide per la scuola

Inoltre, anche per la scuola sono state emanate delle linee guida per scongiurare il pericolo di contagio. Come in contesti universitari, anche all’interno degli istituti bisognerà indossare sempre la mascherina e rispettare la distanza di almeno 1 metro. Per quanto riguarda il solo personale scolastico, anche in questo ambiente sarà obbligatorio il Green Pass.

 

Rimani aggiornato

Università di Catania