Catania In Copertina

Cognomi più diffusi a Catania: dalla P di “Pappalardo” alla R di “Russo”

Mare ed Etna viste dall'alto a Catania
Da dove viene "Pulvirenti"? Quale termine si cela dietro "Reina"? Scopriamo l’origine dei cognomi catanesi dalla P alla R.

Lo scorso appuntamento c’eravamo fermati ai cognomi più comuni dalla M alla N. Questa volta scopriremo cosa si cela dietro i cognomi Pappalardo, Patanè, Pennisi, Petralia, Platania, Puglisi, Pulvirenti, Raciti, Ragusa, Rapisarda, Reina, Rizzo e Russo.

P: Pappalardo, Patanè, Pennisi, Petralia, Platania, Puglisi e Pulvirenti

Il cognome Pappalardo, tipico del pedarese, deriva da un soprannome originariamente affibbiato al capostipite per la sua insaziabile golosità durante il digiuno religioso. Da questo cognome si sono diffusi alcuni “pecchi” popolari, come “mangia lardo” o “mpaia lardo”. Patanè e Platania, invece, condividono la stessa matrice: derivano, infatti, dall’alterazione di alcuni toponimi siciliani, tra cui Aci Platani, Acquaviva Platani o San Biagio Platani.

Sia Pennisi che Petralia derivano da toponimi, rispettivamente il primo dal nome di una frazione di Acireale, ed è molto diffuso nel comune di Riposto, e il secondo dal comune di Petralia Sottana, in provincia di Palermo, ed è un cognome tipico di Biancavilla.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Puglisi, invece, si ricollega al latino Apulia, cioè “terra degli Apuli“. Esistono più ceppi in tutta la Sicilia, in particolar modo nella città metropolitana di Messina. Pare che il cognome Pulvirenti venga dall’aggettivo polveroso, dato dalla comunità al capostipite per via del suo mestiere che aveva attinenza con la polvere.

R: Raciti, Ragusa, Rapisarda, Reina, Rizzo e Russo

Il cognome Raciti proviene dalla parola greca “rachis”, che significa “spina dorsale”. Ragusa, invece, ha attinenza con l’omonima città siciliana. Un antroponimo legato ad un’attività lavorativa popolare è Rapisarda: nato come nome composto da verbo, rapi (=aprire), e nome, sarda, (=sarde). Inoltre, è il cognome tipico di Belpasso.

Reina è un cognome diffuso in tutto lo stivale con più varianti e sembra derivare da una dialettizzazione del latino tardo di Regina, riferito alla Madonna Regina Coeli. In dialetto siciliano la parola riccio diventa “rizzu”: da quest’altra dialettizzazione è nato il cognome Rizzo, che ab origine doveva riferirsi a una persona con caratteristiche fisiche o caratteriali simili a quelle dell’animale in questione. Russo, infine, deriva dall’aggettivo rosso, ed era dato come soprannome a coloro i quali avevano i capelli rossi. È un cognome antico, le cui primissime tracce risalgono al 1200. Oltre a essere assai diffuso nella provincia di Catania presenta altri ceppi nella provincia di Caserta e nel comune di Foggia.

Cognomi più diffusi a Catania: dalla A alla N

Cognomi più diffusi a Catania: quali sono e da dove vengono (A-B)

Cognomi più diffusi a Catania: l’origine di Condorelli, Di Mauro e tutti gli altri

Cognomi più diffusi a Catania: da dove vengono Giuffrida, Grasso, Lombardo e tanti altri

Cognomi più diffusi a Catania: Messina, Nicolosi e Nicotra tra toponimi e non

A proposito dell'autore

Maria Regina Betti

Laureanda in Lettere Classiche, appassionata di luci rosse e di rullini, si dedica alla fotografia digitale, analogica e istantanea.