Catania

Etna, Catania ricoperta dalla cenere: chiusa la pista dell’Aeroporto

L'Etna continua la sua attività vulcanica. Pioggia di cenere e lapilli su tutto il territorio catanese. Inoltre, chiuso anche lo scalo etneo per i lavori di pulizia di bonifica delle piste.

L’Etna non si ferma, difatti stanotte,  ha ripreso la sua attività vulcanica. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, ha infatti, comunicato che a partire da circa le ore 1 di notte, si è osservato il graduale passaggio dell’attività stromboliana a fontana di lava al Cratere di Sud-Est.

In base al modello previsionale, la nube eruttiva prodotta dall’attività in corso si è dispersa in direzione Sud, raggiungendo un’altezza di circa 5000 m s.l.m. Le osservazioni effettuate dal personale dell’INGV presente su terreno, hanno evidenziato un’abbondante ricaduta di materiale grossolano che ricopre i fianchi del cono del Cratere di Sud-Est fino all’area dell’ex Torre del Filosofo.

Inoltre, è stata segnalata una ricaduta di lapilli in zona Tremestieri (versante S). Tuttavia, l’INGV ha comunicato che a partire dalle ore 2 la fontana di lava dal Cratere di Sud-Est è terminata.

A causa dell’attività eruttiva dell’Etna, la società di gestione dell’Aeroporto di Catania ha annunciato di aver predisposto la chiusura delle piste fino alle ore 9:30, per i lavori di pulizia e bonifica delle piste. 

 Cenere vulcanica ricopre Catania, l’allarme del Comune: “Rischi per la viabilità”

Università di Catania