Catania

Catania, partorisce in anticipo con tumore al cervello e poi viene operata

ospedale garibaldi nesima
Partorisce prematuramente per via di un tumore al cervello e poi viene operata: l'intervento si è svolto al Garibaldi Nesima di Catania.

Cristina, una giovane donna alla 22esima settimana di gestazione arrivata all’ospedale Garibaldi Nesima di Catania con un abbassamento della capacità visiva a causa di un meningioma gigante del basicranio anteriore, un tumore cerebrale molto aggressivo che richiedeva un delicato intervento chirurgico, ha partorito Enea, un bimbo di un 1,3 chili ed è stata poi operata con successo.

I medici si sono subito resi conto che la situazione era grave, ma per poter portare la donna in sala operatoria e salvarle la vita hanno dovuto farla partorire prematuramente. Il parto è avvenuto nell’unità operativa di Ostetricia e ginecologia diretta da Giuseppe Ettore. Il bimbo ora sta bene, pesa 4 chili ed è tornato a casa insieme alla mamma.

“Eravamo dinanzi a una vera e propria corsa contro il tempo – ha detto Ettore – Bisognava scegliere il momento giusto per salvare la vita del bambino e quella della madre”. Immediatamente dopo il parto la neomamma è stata affidata all’equipe della Neurochirurgia guidata da Giovanni Nicoletti.

“L’intervento è stato davvero complesso – ha spiegato – ma siamo intervenuti con perizia e decisione. In realtà non nutrivamo molte speranze sul recupero della vista della paziente, anzi, avevamo non pochi dubbi. Per questo siamo rimasti tutti piacevolmente sorpresi quando, pochi giorni dopo, Cristina ha cominciato nuovamente a vedere”.

“In un ospedale come il nostro – ha detto il direttore generale dell’Arnas Garibaldi Fabrizio De Nicola – nascono anche storie come questa, capaci di commuoverci e di regalarci allo stesso tempo il propellente necessario per proseguire il nostro lavoro. All’Arnas Garibaldi, il mantra della multidisciplinarietà è sempre più pregnante e caratterizza con decisione l’azione di un complesso sanitario intriso di professionalità e di tecnologia”.

Rimani aggiornato

Università di Catania