Attualità

Covid dopo il vaccino? Casi rari e poco pericolosi: i dati

vaccino-Coronavirus
Il vaccino si dimostra efficace nel contenimento della malattia, sono pochi i casi da reinfezione e non sono gravi. Ecco gli ultimi dati a disposizione.

Ci sono dei casi di reinfezioni da Covid-19 anche in Italia. Tuttavia, i casi sono veramente rari e sono poco pericolosi, grazie al vaccino che si è rivelato in grado di contenere la malattia.

Secondo il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università di Milano: “Secondo stime nel nostro centro vaccinale all’Istituto Galeazzi di Milano, abbiamo rilevato una percentuale pari all’1-2% di reinfezioni dopo la seconda dose di vaccino anti-Covid Pfizer. Si tratta però di forme non gravi”.

Secondo il virologo si tratta di una reinfezione molto debole e senza particolari complicazioni. Spesso è dovuta alla variante Alfa, meglio conosciuta come variante inglese. Qualche giorno fa, in Italia, si è presentato un  caso di una reinfezione post vaccino della variante Indiana o variante Delta, ma sempre in maniera molto lieve.

Secondo Pregliasco il vaccino si dimostra molto efficace: serve per evitare dei problemi più gravi e a contenere i contagi in Italia, è l’unico mezzo per impedire un impatto pesante sugli ospedali. Anche per l’esperto sarà fondamentale una terza dose di vaccino che deve essere effettuata entro il 2022.


Vaccini Sicilia, prevista terza dose in autunno: ecco come avverrà

Speciale Test Ammissione