News

In Sicilia arrivano primi vaccini Johnson & Johnson: a chi verranno somministrati

vaccino johnson e johnson
In Sicilia giunge la prima fornitura di vaccini anti-Covid Johnson & Johnson: ecco dove verranno consegnate e a chi verranno somministrate.

Nelle scorse ore, la Sicilia ha ricevuto le prime dosi di vaccino anti-Covid prodotte dalla Johnson & Johnson. Nello specifico, il carico giunto all’aeroporto militare di Sigonella include 14.750 dosi del vaccino Janssen-Johnson & Johnson. La consegna era già stata annunciata dal Presidente Nello Musumeci nel corso delle scorse settimane.

Adesso, grazie ai furgoni del corriere espresso SDA di Poste Italiane (attrezzati per il trasporto delle dosi vaccinali) , le fiale giungeranno presso le farmacie ospedaliere dell’Isola. Nello specifico a:

  • Giarre (3.250 dosi);
  • Milazzo (1.850 dosi);
  • Enna (500 dosi);
  • Palermo (3.700 dosi);
  • Erice Casa Santa (1.250 dosi);
  • Siracusa (1.200 dosi);
  • Ragusa (950 dosi);
  • Agrigento (1.300 dosi);
  • Caltanissetta (750 dosi).

Si esplicita che, con quest’ultimo carico, le forniture di vaccini anti-Covid recapitate dall’inizio della campagna vaccinale da SDA in Sicilia ammontano a 470.000.

Vaccino Johnson & Johnson: a chi verrà somministrato?

Ma a chi spetterà questo nuovo vaccino? Secondo le ultime indiscrezioni, il target sarebbe lo stesso del siero AstraZeneca.

“Preso atto – sottolineano Franco Locatelli (Consiglio Superiore di Sanità), Nicola Magrini (Aifa) e Gianni Rezza (Ministero della Salute) in una nota del Ministero della Salute – del pronunciamento dell’Agenzia europea dei medicinali EMA e del parere della Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, che ribadisce l’estrema rarità degli eventi di trombosi associata a trombocitopenia descritti a seguito della vaccinazione contro COVID-19 effettuata con il vaccino Janssen-Johnson & Johnson, e considerato che tale vaccino si è dimostrato sicuramente efficace nel ridurre il rischio di malattia grave, ospedalizzazione e morte connesso al COVID19, si raccomandano le stesse condizioni di utilizzo del vaccino Vaxzevria.

Pertanto, il vaccino Janssen, il cui uso è approvato a partire dai 18 anni di età – concludono – dovrà essere preferenzialmente somministrato a persone di età superiore ai 60 anni, ovvero a coloro che, avendo un rischio elevato di malattia grave e letale, necessitano di essere protette in via prioritaria”.