Attualità

Sicilia, via a tamponi e sierologici in farmacia: costi e regole

farmacie di turno a catania oggi
Tamponi in farmacia in Sicilia, firmato un nuovo accordo tra Federfarma e Regione Siciliana. Ecco il costo e in che modalità verranno svolti.

In Sicilia tamponi rapidi e test sierologici si potranno fare anche in farmacia, a un costo contenuto. Lo prevede l’accordo firmato stamattina dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e da Gioacchino Nicolosi, presidente di Federfarma Sicilia. L’accordo segue quello, già siglato, per l’esecuzione dei vaccini in farmacia.

Tamponi nelle farmacie siciliane: come funziona

In base all’accordo, le farmacie aderenti potranno allestire all’interno della propria attività o all’esterno, nelle immediate vicinanze, un’area per eseguire tamponi rapidi e test sierologici. I cittadini interessati a sottoporsi al test in farmacia potranno prenotarsi tramite appuntamento. Inoltre, secondo quanto previsto dall’accordo, a eseguire il test saranno operatori adeguatamente formati. Le farmacie potranno anche avvalersi di personale sanitario autorizzato.

In merito ai costi, i tamponi in farmacia non dovranno superare il costo di 15 euro. Dopo il tampone o il sierologico, le strutture forniranno l’esito ai cittadini e risultato sarà quindi comunicato all’Asp territoriale di competenza.


Vaccino Covid in farmacia, si inizia anche in Sicilia: ecco dove e quando


Tamponi in farmacia: le dichiarazioni di Musumeci e Nicolosi

“Con questo accordo facciamo un passo avanti – afferma Musumeciavvicinandoci alla periferia e al territorio, cercando di convincere sempre più siciliani a sottoporsi ai test. Sono contento dell’ampia disponibilità che hanno voluto dare i farmacisti della nostra Isola”.

“L’accordo per i tamponi in farmacia permette di dare una risposta immediata alle esigenze della popolazione – dichiara, invece, il presidente di Federfarma Sicilia, Gioacchino Nicolosi: potranno essere così raggiunti attraverso le nostre strutture, in maniera diretta, quei cittadini che abitano nei centri più piccoli e che, diversamente, sarebbero costretti a spostarsi”.