Attualità

Coronavirus, in Sicilia peggiora la pandemia: Rt superiore a 1

Sicilia Zona Arancione Covid
Coronavirus, in Sicilia i dati mostrano un lento ma progressivo peggioramento delle statistiche, dal numero di contagi giornalieri all'indice Rt.

Dopo settimane di dati bassi e costanti, il Coronavirus torna a circolare in maniera significativa anche nell’Isola. L’ultimo report di monitoraggio della cabina di regia indica per la Sicilia un indice Rt di 1,05. La Sicilia rimarrà, quindi, in zona arancione. Sono 16 le regioni italiane con un indice dei contagi superiore a 1, mentre la media nazionale rimane stabile a 1,16. I tre valori più alti sono in Campania (1,65) Valle d’Aosta e Friuli-Venezia Giulia, entrambe a 1,42. La zona col valore più basso è la Provincia Autonoma di Bolzano, con Rt pari a 0,59.

 Coronavirus Sicilia, risalgono i contagi: il bollettino di oggi

In Sicilia i dati della pandemia sono peggiorati nelle ultime settimane, dopo circa un mese di zona gialla. L’ultimo bollettino segna per l’Isola 859 contagi, 70 in più rispetto a un giorno fa. Il tasso di positività è salito al 3,6% e si sono moltiplicate, negli ultimi giorni, le zone rosse. Al momento sono 11 in tutto, con l’ingresso per ultime di Sciacca e Regalbuto in zona rossa. La Sicilia è entrata in zona arancione per effetto dell’ultimo DPCM, ma i dati del contagio l’avrebbero posta ancora in zona gialla. In base ai nuovi parametri, per cui l’indice Rt compreso tra 1 e 1,25 è tra i fattori che fanno scattare la zona arancione, la Sicilia potrebbe entrare in questa fascia a prescindere dal decreto Draghi, valido fino a dopo Pasqua.

L’aumento dei casi in Sicilia è certificato anche dai dati della fondazione Gimbe. Nella settimana dal 10 al 16 marzo si segnala un ulteriore incremento dei nuovi casi (157.677 contro 145.659) e dei decessi (2.522 contro 2.191). Continuano a salire i casi attualmente positivi (536.115 contro 478.883).

Nella bozza di monitoraggio, l’Iss continua ad osservare un livello generale di rischio alto: dieci Regioni (stesso numero della settimana precedente) hanno un livello di rischio alto. Le altre 11 Regioni/PPAA hanno una classificazione di rischio moderato. Sulla scorta dei dati nazionali e regionali, la Campania rimarrà in zona rossa. “Perde” la zona bianca la Sardegna, che dovrebbe passare in zona arancione (le zone gialle sono sospese fino a dopo Pasqua), mentre il Molise dovrebbe passare in zona arancione dopo due settimane di zona rossa. Il ministro Speranza firmerà in serata l’ordinanza, che entrerà in vigore dal 22 marzo.

Oltre alle misure a livello nazionale, segnala l’Iss, sono necessari ” puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione”.

Rimani aggiornato

Università di Catania