Musica

Sanremo 2021, Shorty premiato tra Nuove Proposte: la canzone dell’artista siciliano

Sanremo 2021, Davide Shorty, cantante palermitano, ha vinto il premio Sala Stampa col suo brano "Regina": il testo e il video della canzone premiata.

Si è conclusa nella serata di ieri la penultima serata di Sanremo 2021. All’Ariston si sono esibiti tutti i 26 cantanti della sezione big in gara, ma sono anche arrivati i primi premi nella categoria Nuove Proposte. Tra i premiati c’è anche un siciliano, Davide Shorty. Con il brano “Regina“, il rapper palermitano ha conquistato il premio della Sala Stampa Radio, Tv e Web “Lucio Dalla”, conquistando 33 voti. Al termine delle votazioni, tuttavia, il vincitore tra i giovani è Gaudiano, che nel complesso accumula il punteggio maggiore dopo la votazione di sala stampa, giuria demoscopica e televoto. Secondo Davide Shorty, terzo Folcast, quarto Wrongonyou.

Chi è Davide Shorty

Noto come Davide Shorty, o semplicemente Shorty (abbreviativo di Sciortino, il suo cognome), Shorty non è nuovo al mondo dello spettacolo. È attivo tra i generi Soul, Rap e Hip Hop e ha fatto parte di diversi gruppi prima di iniziare la carriera come solista.

Nel 2015 ha partecipato al programma X Factor, dove si classifica terzo. Poi una serie di collaborazioni con diversi progetti musicali e band, tra cui si ricordano il brano Tempi modesti, in featured con Daniele Silvestri e il brano Antiferno, con i rapper Murubutu e Clever Gold.

“Regina”: la canzone di Shorty a Sanremo 2021

Di seguito si pubblica il testo della canzone Regina, con cui Davide Shorty è arrivato secondo nella rassegna Sanremo 2021 Nuove Proposte e ha conquistato il premio “Lucio Dalla” della Sala Stampa.

Camminami di fronte
Così mi fai seguire le tue forme con lo sguardo
Guarda, c’è una casa all’orizzonte
E noi ci urliamo in faccia alla stazione singhiozzando
Entrambi con un ego enorme che ci mette in imbarazzo
Per sentirsi più al sicuro dal primo piano di un palazzo
Ed io ti amo, te lo giuro, infatti a volte sono pazzo
Sai, la testa ti va in fumo quando ti manca lo spazio
Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina, e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (oh, oh)
Cos’è ‘sto sguardo? Mi sembra quasi un rimprovero
Sono sempre il solito, a volte neanch’io mi tollero
Navigo la mente per frasi con senso logico
Panico come un coltello stretto dal manico
Trami e poi mi ami, mi chiedi se mai io sparirò
Mani nelle mani e come Dani adesso salirò
Sei nei miei piani e sai che ogni promessa è un debito
Anima latina, regina con regno a seguito
E inoltre una corona, hai pur bisogno di un palazzo
E a volte se ti senti sola e la tua vita è un po’ uno strazio
Se la cosa ti consola, io ti sono sempre accanto
Dentro questa vita nuova che ha l’odore di un abbraccio
Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina, e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria (aria, aria, aria) oh, tu diventi aria
Aria (aria, aria, aria), aria, oh, oh
Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina, e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma ritorni una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (oh, oh)
Ahi