Speciale Sant'Agata

Sant’Agata e fuochi della “sira o’ tri”: significato della tradizione catanese

fuochi sira o tri sant'agata
Credits photo: Salvo Puccio
La Festa di Sant'Agata ogni anno inizia davvero con i fuochi della sira o' tri. In quest'anno di raccoglimento e riflessione, spieghiamo qual è il loro significato.

Un anno fa, nella serata di oggi, i catanesi avrebbero occupato in massa piazza Duomo e via Etnea e, col naso all’insù, avrebbero aspettato che suonasse la “sveglia” per Sant’Agata. I fuochi della sira o’ tri rappresentano uno dei momenti più spettacolari della festività e sanciscono l’inizio ufficiale della festa.

Festa di Sant’Agata: il significato dei fuochi della sira o’ tri

Tradizione vuole che i fuochi servano a svegliare la santa patrona, chiusa nella sua “cammaredda. Si tratta di un luogo sacro e quasi “impenetrabile”, dalla quale Sant’Agata esce solo in occasione dei festeggiamenti di febbraio e agosto.

Tanto più, quindi, aumenta la necessità che i catanesi suonino la sveglia forte e chiaro. Non sia mai che la Santa non senta il richiamo! Al termine dello spettacolo pirotecnico, che spesso negli anni si è affiancato a uno spettacolo musicale, i devoti rientrano a casa, consapevoli che domani li attenderà una lunga giornata.

Il giorno successivo, infatti, è la volta della Messa dell’Aurora, alle sei del mattino, e del giro esterno del fercolo, che viene seguito in processione per le strade della città.

 Lo spettacolo dei Fuochi della sira o’ tri del 2020

La Festa di Sant’Agata quest’anno

A causa della situazione sanitaria, quest’anno non ci saranno né fuochi d’artificio, né processione col giro esterno.

L’invito dell’Arcidiocesi etnea ai devoti è di radunarsi in preghiera nelle proprie case alle ore 20:00 e di accendere un lume rosso davanti a una immagine di Sant’Agata. L’Arcivescovo, quindi, guiderà la preghiera che sarà diffusa attraverso i canali FB e YouTube dell’Arcidiocesi e della Basilica Cattedrale.

Domani, giovedì 4 febbraio, la Messa dell’Aurora si svolgerà in assenza dei fedeli, mentre piazza Duomo sarà blindata per i giorni centrali della festività. Alle 6:00, l’Arcivescovo parteciperà insieme al sindaco Salvo Pogliese alle operazioni di apertura del sacello, presiedendo la Messa dell’aurora. Al termine della celebrazione il Busto-Reliquiario della Santa Patrona sarà riposto nel sacello. Alle 18, invece, l’Arcivescovo rivolgerà il suo tradizionale messaggio alla città.

 Festa di Sant’Agata 2021 a porte chiuse: dove vedere la diretta streaming

Rimani aggiornato