Scuola

News concorsi scuola: le novità su straordinario e ordinario

banchi scuola
News concorsi scuola: Azzolina fa il punto sul concorso straordinario scuola e sul concorso ordinario scuola. I docenti fremono per la ripartenza.

News concorsi scuola: la ministra Lucia Azzolina torna a parlare di concorsi, nonostante la situazione nel nostro Paese sia più ingarbugliata che mai. Oltre alla pandemia ancora in corso e ai contagi in crescita, si aggiunge ora un’imminente crisi di governo, che potrebbe causare ulteriori rallentamenti all’espletamento dei concorsi a cattedra per i docenti. Ma vediamo le ultime novità in merito e quali progetti ha in mente la ministra dell’Istruzione attualmente in carica.

Le parole di Azzolina

Intervistata da Paola Guarnieri su Radio Rai 1 nei giorni scorsi, Azzolina torna a parlare sia del concorso straordinario scuola che del concorso ordinario scuola. In particolare, la ministra si concentra sulle prove: quasi al termine per quanto riguarda lo straordinario, ancora da avviare per quanto riguarda invece l’ordinario. 

“Il 75% delle prove è stato svolto – precisa Azzolina in merito al concorso scuola straordinario –. Adesso il Ministero ha pianificato gli aspetti informatici che consentiranno ai commissari di iniziare a correggere le prove di chi le ha svolte e al più presto, quando l’epidemia lo consentirà, riprenderemo con le altre prove, mancano solo 4 giorni per finire”.

“A seguire partirà il concorso ordinario”, assicura Azzolina che, tuttavia, non fa il minimo accenno a una possibile data di avvio. Per questo motivo, sono moltissimi i neolaureati a lamentarsi: chi non ha potuto inviare in tempo la domanda di partecipazione al concorso chiede ora la riapertura dei termini. Allo stesso tempo, alcuni tra coloro i quali hanno già presentato la domanda, chiedono la possibilità di cambiare regione di preferenza. Al momento, tuttavia, nessuna apertura in merito.

News concorsi scuola: e il bando per i docenti di religione?

Il bando per  i docenti di religione avrebbe dovuto vedere la luce entro la fine del 2020, tuttavia così non è stato. La pubblicazione è stata rimandata all’anno in corso e, nello specifico, entro il 31 dicembre 2021. La misura è contenuta all’interno del decreto milleproroghe.


Riapertura scuola, Azzolina: “La DaD non può più funzionare”

Rimani aggiornato