Altro

Pagamento pensioni gennaio 2021: calendario e regole

pagamento anticipato pensioni
Pagamento pensioni gennaio 2021: anche questa volta si procederà anticipatamente e a scaglioni. Ecco date dei pagamenti e suddivisione in ordine alfabetico.

Come accade già da diversi mesi, anche per quanto riguarda il pagamento pensioni gennaio 2021 si va verso un anticipo e uno scaglionamento, in modo da evitare assembramenti presso gli uffici postali. Per chi ritira la pensione in contanti, infatti, sono previste diverse giornate, organizzate secondo ordine alfabetico, durante le quali sarò possibile recarsi presso le Poste per ritirare l’importo dovuto. Vediamo nel dettaglio, quindi, come avverrà il pagamento anticipato delle pensioni gennaio 2021.

Pagamento pensioni gennaio 2021: date

In base all’ordinanza 723 della Presidenza dei Ministri, Inps ha comunicato che il pagamento delle pensioni avrà luogo dal 28 dicembre 2020 fino al 2 gennaio 2021. Le pensioni di febbraio, pertanto, dovrebbero essere distribuito tra il 25 e il 30 gennaio.

Non è stato ancora reso noto un calendario ufficiale per il pagamento delle pensioni gennaio 2o21 giornata per giornata. Ipoteticamente, tuttavia, si può presupporre che lo scaglionamento avverrà nella seguente maniera:

  • lunedì 28 dicembre 2020 cognomi che iniziano con A e B;
  • martedì 29 dicembre 2020 cognomi che iniziano con C e D;
  • mercoledì 30 dicembre 2020:cognomi che iniziano dalla E alla K;
  • giovedì 31 dicembre 2020 (solo mattina) cognomi che iniziano dalla L alla O;
  • sabato 2 gennaio 2021 (solo mattina): cognomi che iniziano dalla P alla Z.

Delega ai Carabinieri per anziani over 75

Anche per le pensioni gennaio 2021 è stata confermata la possibilità per gli anziani di età pari o superiore ai 75 anni di stipulare una delega con l’Arma dei Carabinieri. Questa consente a un agente dell’Arma di andare a ritirare il pagamento presso l’ufficio postale, andando poi a recapitare l’importo ritirato direttamente presso il domicilio del pensionato. Si tratta di una valida soluzione per quegli anziani impossibilitati a uscire di casa o, magari soli, evitando anche che quest’ultimi, essendo la categoria più a rischio, si mettano nelle condizioni di esporsi al contagio da Covid-19.