Altro

Concorso scuola ordinario: le novità sulle prove

concorso scuola 2020
Concorso scuola: crescono le domande sui quesiti da affrontare per superare il concorso ordinario per la secondaria. Tutte le ultime novità.

Concorso scuola


Concorso scuola: le ultime novità sulla pubblicazione dei bandi di concorso per circa 70 mila posti nel 2020 hanno fatto vacillare le certezze degli aspiranti candidati. Insegnanti e neo laureati si trovano infatti nell’attesa di conoscere finalmente i dettagli dei concorsi, che avrebbero già dovuto vedere la luce alla fine del 2019. Stando al decreto Milleproroghe, adesso, la scadenza per la pubblicazione è fissata al 30 aprile 2020. Nel frattempo, però, ci si sta preparando per affrontare le prove nel miglior modo possibile. Diverse polemiche hanno investito, nelle ultime settimane, il concorso straordinario secondaria, ma che novità ci sono sul concorso ordinario?

Concorso scuola: cosa prevedono le prove del bando ordinario

Si prevedono circa 25 mila posti per questo bando rivolto a tutti i laureati in possesso dei 24 CFU. Le prove, stando alla bozza pubblicata, qualche settimana fa dovrebbero essere così ripartite: prova preselettiva computer based (qualora ci fosse un numero troppo elevato di candidati); prima prova scritta divisa per ciascuna classe di concorso, volta a valutare le competenze specifiche dei candidati sulla propria classe di concorso; seconda prova scritta, che valuterà le competenze dei laureati sui 24 cfu e sulle metodologie didattiche; e infine una prova orale sulle capacità di progettazione didattica.

Concorso scuola ordinario: la prova preselettiva ci sarà?

Molto probabilmente la prova preselettiva ci sarà. I posti a disposizione sono molti, ma il numero di candidati previsto è di gran lunga superiore. Naturalmente, la certezza si avrà solo dopo la presentazione delle domande. Cosa devono aspettarsi quindi i candidati? Generalmente, questo tipo di prova serve per fare una prima scrematura tra i candidati e verte su argomenti di ordine generico. Questa valuterà le capacità logiche dei candidati, la comprensione del testo, la normativa scolastica e la lingua inglese di livello B2. Non si conoscono ancora i dettagli sul numero di domande e sulla durata della prova, che comunque sarà computer based. Chi supererà questa prova potrà accedere alla prima prova scritta. Il punteggio, tuttavia, non sarà calcolato nella graduatoria finale.

Università di Catania