Eventi

Natale 2019 in Sicilia: tutti i presepi da non perdere

Tra le tradizioni del periodo natalizio ne spicca una per il suo legame con l'arte: si tratta del presepe. Ecco quali sono i presepi da visitare nell'Isola.

Il presepe è una di quella usanze del periodo natalizio che non possono essere ignorate. Esso può assumere diverse forme, grandezze e può essere realizzato con i più vari materiali anche per scopi molto differenti tra loro. E così è possibile visitare presepi artistici, vere e proprie opere d’arte ispirate alla natività. O ancora presepi sostenibili, realizzati soprattutto nelle scuole e dai più sensibili alla questione dell’ambiente con materiali riciclabili o riciclati. Infine, esiste anche la versione più realistica del presepe: si tratta di quello vivente, in cui i classici personaggi prendono vita, interpretati da persone che rivestono in tutto e per tutto i diversi ruoli.

Per quanto riguarda il territorio siciliano, sono diversi i paesi e le città dove è possibile visitare i presepi in occasione delle festività natalizie. Si tratta anche di una tradizione rispettata da molte famiglie, che decidono di impiegare il tempo libero durante le vacanze con una attività in pieno tema natalizio. Ecco dunque quali sono i presepi da non perdere in giro per la Sicilia.

Sicilia Orientale

Una delle maggiori attrazioni è sicuramente quella del presepe vivente. Può infatti coinvolgere più facilmente anche i bambini, trattandosi di una versione più dinamica, inusuale e interattiva rispetto alle altre. Nella parte orientale dell’Isola, è possibile visitare il presepe vivente di Licodia Eubea o ancora quello di Terme Vigliatore. Anche nella zona di Avola, per esempio a Cavagrande, è possibile andare a vedere uno dei presepi viventi più noti in Sicilia. Invece, nel Messinese è possibile visitare quello di Castanea delle Furie.

Tuttavia, l’Isola è ricca anche di importanti esempi che non appartengono alla categoria dei presepi viventi, ma sono più legati all’ambito artistico. Ecco quindi che diventa quasi impossibile non nominare Caltagirone con i suoi numerosi presepi sparsi per il paese, tutti con caratteristiche estremamente diverse tanto da renderli veri esempi unici e originali. Per dare anche solo un’idea, tra i materiali con i quali i presepi sono realizzati si possono elencare il sale, il semplice cotone, la pasta e anche i lego. O ancora, Bronte ospiterà quest’anno una varietà molto ampia di diversi presepi, con soggetti molto differenti tra loro.

Sicilia Occidentale

L’altro versante della Sicilia non è in ogni caso da meno, e anche in queste zone sarà possibile visitare numerosi presepi durante le festività natalizie.

Ecco quindi che all’appello non possono mancare il presepe vivente di Custonaci, nel Trapanese, uno tra i più noti in Sicilia, così come quelli di Sambuca di Sicilia e Cammarata nella zona di Agrigento. Tra i più noti presepi viventi allestiti nel Palermitano è possibile trovare quello di Gangi, e quello meno tradizionale ma decisamente originale di Marineo. Si tratta di un presepe ambientato in epoca rinascimentale ospitato dal Castello Beccadelli Bologni.

Per chi invece preferisce i presepi artistici, sarà sicuramente una tappa da non perdere quella di Erice. Si tratta di un piccolo borgo nel Trapanese che si trasforma durante il periodo natalizio, ospitando anche numerosi presepi e attività tipiche delle festività di Natale. Imperdibile anche l’esposizione dei presepi delle Madonie a Palazzo Sant’Elia a Palermo. Saranno infatti esposti esempi realizzati con materiali riciclati nel pieno rispetto dell’ambiente anche durante le feste, periodo in cui il rischio di alto inquinamento e spreco è sempre dietro l’angolo.

A proposito dell'autore

Martina Bianchi

Laureata in Scienze e Lingue per la Comunicazione, coltiva l'interesse per giornalismo e comunicazione scrivendo per LiveUnict. Con la passione per le lingue straniere, la fotografia, l'arte e i viaggi, mira ad un futuro nelle relazioni internazionali.