Altro

Esame avvocato 2019: le possibili tracce

esame avvocato
Conto alla rovescia che sta per finire per gli aspiranti avvocati che parteciperanno all'esame avvocato 2019. Ecco le possibili tracce.

Manca ormai pochissimo all’esame avvocato 2019. Tra il 10 e il 12 dicembre si svolgeranno infatti le tre prove scritte che gli aspiranti all’avvocatura dovranno sostenere per accedere alla professione. Per ognuna di esse i candidati avranno 7 ore di tempo a disposizione e potranno usare, per l’ultima volta, i codici commentati con la giurisprudenza. In tanti in questi ultimi giorni fatidici si staranno chiedendo quali potrebbero essere le possibili tracce d’esame, ma il segreto rimarrà fino al momento delle prove. Tuttavia, è sempre possibile provare a fare dei pronostici.

Esame avvocato 2019: le possibili tracce

Su quale atto o argomento si dovranno cimentare gli aspiranti avvocati? Per questo genere di domande non esiste una risposta certa, tuttavia ci sono alcuni topic particolarmente plausibili che potrebbero essere tra le domande d’esame.

Innanzitutto, un tema su cui si è dibattuta molto l’opinione pubblica nel 2019 è la riforma della Giustizia del ministro Bonafede. Al centro di essa ci sono diversi temi scottanti: negoziazione assistita, mediazione obbligatoria e atto di citazione su tutti. Inoltre, si deve aggiungere anche la riforma della prescrizione, particolarmente contestata dagli esperti del settore.

Un altro aspetto da tenere presente sono le tracce dello scorso anno. Infatti, è da escludere che per l’esame avvocato 2019 possano ripresentarsi tematiche simili a quelle già affrontate nel 2018, in particolare quelle di reato. L’anno scorso i candidati hanno affrontato tracce inerenti la sostituzione di persona, l’iscrizione all’anagrafe del figlio nato all’estero con fecondazione eterologa e debiti di gioco.

Inoltre, la prova di diritto civile dell’esame avvocato 2018 è stata sull’atto di comparsa di costituzione, quella di penale sull’atto di appello mentre sul diritto amministrativo il ricorso per giudizio di ottemperanza.

Esame avvocato 2019: gli ultimi atti usciti

In ottica ripasso e pensando all’esame avvocato e alle sue possibili tracce, oltre a quelle degli anni scorsi, potrebbe risultare utile passare in rassegna le tracce degli anni passati. In particolare, questi sono stati gli atti pubblicati negli ultimi 20 anni.

  • nel 2001, atto di appello su porto abusivo di armi e sequestro di persona;
  • nel 2002, atto di appello su incendio e morte/lesione come conseguenza di altro delitto;
  • nel 2003, atto di appello sulla frode in commercio;
  • nel 2004, atto di appello su truffa e furto aggravato;
  • nel 2005, atto di appello su peculato d’uso;
  • nel 2006, atto di revoca di misura di prevenzione patrimoniale su associazione a delinquere di stampo mafioso;
  • nel 2007, atto di rinnovazione dell’istanza di riabilitazione;
  • nel 2008, atto di appello proposto dalla parte civile, su scriminanti attività sportiva;
  • nel 2009, atto di appello su consenso informato;
  • nel 2010, atto di appello su tentativo di rapina impropria;
  • nel 2011, atto di appello su peculato;
  • nel 2012, atto di appello: su concorso anomalo;
  • nel 2013, atto cautelare personale su connivenza non punibile e concorso di persone;
  • nel 2014, atto di appello su appropriazione indebita;
  • nel 2015, atto di appello su furto e delitto tentato;
  • nel 2016, atto di appello su rapina e recidiva;
  • nel 2017, atto di appello sul tentativo di omicidio;
  • nel 2018, atto di appello, comparsa di costituzione e ricorso per giudizio di ottemperanza.

Possibili tracce esame avvocato: le sentenze più importanti nel 2019

Un’ulteriore “suggerimento” che si può dare a chi si sta preparando per l’esame avvocato riguarda il ripasso delle più importanti sentenze civili e penali emanate nel corso del 2019. In particolare:

  • Cassazione civile, sentenza numero 28084/2018 e numero 16429/2019 sul diritto d’oblio e il diritto di cronaca;
  • Cassazione civile, ordinanza numero 21988/2019 sul danno da capacità lavorativa specifica;
  • Cassazione civile, ordinanza numero 21726/2019 sul contratto di compravendita e la nullità per difetto di forma;
  • Cassazione penale, sentenza 40347/2018 sul reato di corruzione propria e la libertà parlamentare;
  • Cassazione penale, sentenza 7032/2019 sul concorso colposo in delitto colposo;
  • Cassazione penale, sentenza numero 21409/2019 sul saluto fascista.