Eventi

L’Odissea di Omero in anteprima alle Gole dell’Alcantara: il racconto

Dopo il successo dell'Inferno di Dante dello scorso anno, debutta stasera l'Odissea di Omero alle Gole dell'Alcantara: grande accoglienza ieri all'anteprima per la stampa, gli ospiti e le scuole.

Location mozzafiato, pubblico entusiasta e uno sguardo timido ma lucido sull’attualità: grande accoglienza, ieri sera, all’anteprima per stampa, ospiti e scuole dell’Odissea di Omero alle Gola dell’Alcantara. Dopo il successo dell’Inferno di Dante dello scorso anno, torna in scena un grande testo della cultura classica occidentale: adattato e diretto da Giovanni Anfuso, lo spettacolo debutterà ufficialmente questa sera, venerdì 9 agosto. Quasi esaurite le prevendite per il primo weekend.

“Lavorare all’interno di una riserva naturale splendida come quella delle Gole dell’Alcantara è esaltante ma al tempo stesso porta con sé molte difficoltà ha dichiarato il regista Giovanni Anfuso –. Misurarsi con un testo eterno come l’Odissea, così ricco di temi attualissimi, dalle migrazioni ai naufragi, è davvero esaltante. E Ulisse, in questo adattamento è non soltanto doppio, nel senso che viene rappresentato da due diversi attori (quello più giovane, che vive le avventure a tutti note, e quello invecchiato che torna a casa), ma è emblema di un’intera comunità che si confronta con sé stessa, come ponendosi di fronte a uno specchio”.

Proprio al tema della migrazione, il regista sembra aver dedicato un’attenzione particolare nel corso dello spettacolo, con un riferimento rapido ma significativo alla nostra contemporaneità e che non ha lasciato indifferente il pubblico presente. Non a caso, infatti, il racconto di Odisseo prende il via dall’incontro con il popolo dei Feaci che, rappresentando i valori della xenìa (forma di ospitalità diffusa nel mondo greco), accolgono benevolmente l’eroe acheo e gli forniscono la nave necessaria per rientrare a Itaca, nonostante le ire di Poseidone. Un lungo e sentito applauso seguirà la frase del re Alcinoo che, alla richiesta di aiuto di Ulisse, risponde: “Un naufrago va accolto sempre. Per legge umana e divina”. 

Il cast dello spettacolo è composto da Ivan Giambirtone (Omero), Liliana Randi (Atena/Euriclea), Davide Sbrogiò (Odisseo maturo), Angelo D’Agosta (Odisseo giovane), Giovanna Mangiù (Penelope/Circe), Corrado Drago (Alcinoo/Eumeo), Luciano Fioretto (Zeus/Antinoo), Giovanni Santangelo (Euriloco/Filezio) e Luigi Nicotra (Telemaco). In scena ci sono poi Giuseppe Aiello (Eurimaco), Alberto Abbadessa,  Gabriele D’Astoli,  Sebastiano De Francisci (Elpenore), Luca Ingrassia (Antifo), Roberta Lazzaro (Sirena), Alessandra Ricotta (Sirena), Francesco Rizzo, Stefano Romano (Leode) e Ilenia Scaringi (Arete/Sirena). La voce fuori campo è di Davide Pandolfo. Elementi scenici e costumi sono di Riccardo Cappello, Nello Toscano, firma le musiche e Fia Distefano le coreografie.

Buona la performance di tutti gli attori in scena ieri, che hanno saputo rendere al meglio l’atmosfera del capolavoro classico. Una nota di merito, tuttavia, va sicuramente all’attore protagonista (Odisseo maturo) e alla costruzione sapiente dello spettacolo, le cui parti sono risultate in definitiva ben amalgamate e in armonia con tutte le componenti della scena: dai tempi ai movimenti coreografici e alle musiche. Un insieme ben orchestrato e in grado di esprimere tutte le potenzialità e la densità di un testo che, nonostante l’età e senza necessitare di particolari stravolgimenti, riesce ancora a essere più attuale che mai.

Le prevendite per questo primo fine settimana sono quasi esaurite, ma quota di biglietti verrà riservata anche a chi si presenterà direttamente al botteghino delle Gole dell’Alcantara. I biglietti sono acquistabili su Boxoffice Sicilia: online, attraverso il centralone (allo 095.7225340) e nei punti vendita. Come per l’Inferno di Dante, anche l’Odissea  di Omero sarà rappresentata ogni venerdì, sabato e domenica con tre repliche a sera a partire dalle 20.45.