Eventi In Copertina

Stelle cadenti di San Lorenzo: quando è previsto il picco

La notte di San Lorenzo di avvicina. Ecco quando sarà il picco delle stelle cadenti e come osservarle. Pronti per esprimere i vostri desideri?

L’estate volge ormai al suo termine e, tra poco più di un mese, ci si ritroverà di nuovo sui libri o in ufficio. Nonostante ciò, il mese di agosto ha in serbo ancora tante meraviglie grazie alle quali vivere appieno la stagione estiva. Nei prossimi giorni, per esempio, avrà inizio il consueto passaggio delle Perseidi, lo sciame di stelle cadenti che illumina il cielo ogni anno nella notte di San Lorenzo. Come osservare al meglio il fenomeno e quando si avrà il maggior picco di stelle cadenti?

Nella notte di San Lorenzo, nota anche come la notte dei desideri, sono moltissime le persone che con il naso all’insù attendono di vedere cadere qualche stella per esprimere i propri desideri. Il 10 agosto è la data in cui si manifesta il fenomeno, il quale altro non è se non il passaggio attraverso l’atmosfera terrestre di uno sciame di meteoriti chiamate Perseidi. Queste si originano dai detriti rilasciati dalla cometa di nome Swift-Tuttle e la loro scia luminosa è dovuta all’attrito con atmosfera terrestre al passaggio delle meteoriti.

Un fenomeno magico, che non smette di incantare e i tenere tutti con lo sguardo incollato al cielo. Tuttavia, sebbene il 10 agosto sia riconosciuto appunto come la notte delle stelle cadenti, in realtà esse possono essere osservate in un arco di tempo più ampio, che va dalla fine di luglio a fino poco più di metà agosto. Il picco delle Perseidi, comunque, è visibile tra la notte del 10 a quella del 15 agosto, con una maggiore intensità nelle notti del 12 e 13 agosto.

Per assicurasi una visuale ottimale delle stelle cadenti bisogna, innanzitutto, allontanarsi da qualsiasi fonte di inquinamento luminoso. Sarà meglio, quindi, abbandonare la città e spingersi fino in montagna o in spiaggia o, eventualmente, in luoghi non troppo illuminati.

Le stelle sono visibili anche a occhio nudo, ma, se si volesse godere di uno spettacolo ancora più suggestivo, è sempre possibile usufruire di apparecchi come binocoli o telescopi. In questo caso, sono molti gli osservatori che durante questo periodo aprono le porte ai visitatori, mettendo a disposizione le proprie attrezzature.

 

Debora Guglielmino

Classe '94, la passione per l'informazione e il giornalismo mi accompagna sin da quando ero ancora una ragazzina. Studentessa di Scienze della Comunicazione, amo la lettura e le atmosfere patinate ed eleganti tratteggiate nei romanzi della Austen. Appassionata e ambiziosa, sogno di poter un giorno conoscere il mondo e di raccontarlo attraverso una penna e un taccuino.