Catania

Catania, 100mila euro al mese per la pulizia di 7 bagni: la vicenda finisce su LA7

Comune di Catania
Appalto da 939mila euro annui per la pulizia di 7 bagni pubblici al Comune di Catania: la vicenda finisce in onda su La7.

È finito al centro del programma di La7 “L’aria che tira” condotto dalla giornalista Myrta Merlino, l’appalto milionario del Comune di Catania alla Multiservizi per la pulizia e custodia dei bagni pubblici. La giornalista Myrta Merlino ha ospitato in studio l’assessore comunale Roberto Bonaccorsi e l’ex presidente di Multiservizi Giovanni Giacolone per parlare dell’appalto surreale che grava sulle casse del comune.

La Multiservizi srl al centro della questione. Sembra che l’appalto milionario sia stato stipulato dalla vecchia amministrazione di centro sinistra con la Multiservizi srl di cui il comune è proprietaria al 100%. Un contratto di servizio di 939mila euro annui, commenta l’ex presidente Giovanni Giacolone, che è stato firmato nel 2014, prorogato dal precedente del 2009 e voluto dal ex sindaco Raffaele Stancanelli.

Il comune etneo ormai in dissesto ha dichiarato il fallimento e la settimana scorsa 450 operai della Multiservizi sono scesi in piazza per la mancata retribuzione degli ultimi due mesi. Il comune è riuscito a retribuire gli operai della Multiservizi srl ma la vicenda sembra essere solo uno dei sintomi del bilancio finanziario di Catania. Nonostante ciò, nel programma di La7 l’assessore Roberto Bonaccorso dichiara di voler tutelare tutte le famiglie coinvolte e tutti i cittadini del comune etneo.