Tecnologia e Social

Facebook, Instagram e WhatsApp “a pagamento”: l’idea di Zuckerberg

Secondo alcune indiscrezioni alcune funzionalità dei social più famosi potrebbero non essere più fruibili gratuitamente. Meta, infatti, sta subendo perdite di utile.

Facebook, Instagram e Whatsapp potrebbero diventare presto a pagamento? Si tratta di un’ipotesi che stanno discutendo i vertici dei social. Questa scelta potrebbe essere attuata per fare fronte al calo degli utili che Meta ha avuto nell’ultimo anno. 

John Hegeman, attuale vicepresidente del team che si occupa della parte finanziaria e monetaria del gruppo Meta, ha affermato che “ci sarebbero moltissime persone davvero entusiaste di spendere per fruire al massimo dei nostri contenuti“.

Periodo di crisi per Meta?

Per il primo anno Meta ha avuto una diminuzione dei ricavi di oltre l’1 per cento (28,8 miliardi di quest’anno contro i 29,1 del 2021). Anche gli utili sono scesi di 3,4 miliardi (il 36%) rispetto all’estate dello scorso anno, fermandosi a quota 6,7 miliardi nel trimestre tra giugno e agosto contro i 10,4 miliardi di dodici mesi fa. 

Le indiscrezioni

Instagram e Facebook potrebbero, quindi, diventare a pagamento. Si tratta ancora solo di un’indiscrezione, diffusa da The Verge che ha spiegato come Zuckerberg ha creato un team interno di ricerca per studiare e valutare i vantaggi e gli svantaggi di questa che sarebbe una scelta rivoluzionaria per il gruppo.

L’idea è quella di avere alcune funzionalità dei social a pagamento. Il gruppo, chiamato New Monetization Experience, sarà guidato da Pratiti Raychoudhury, precedentemente al vertice del team di ricerca di Meta.

 

Università di Catania