Catania

Catania, nasce Alessandra: la mamma aveva ricevuto il primo trapianto di utero in Italia

Ospedale Cannizzaro di Catania
L'evento degno di nota si è verificato all'Ospedale "Cannizzaro" di Catania.

In queste ultime ore, presso l’Ospedale “Cannizzaro” di Catania si è verificato un evento eccezionale: per la prima volta in Italia una donna ha partorito dopo un  trapianto di utero da donatrice deceduta.

È nata Alessandra, che di fatto è la figlia della donna che ricevuto il primo trapianto di utero realizzato in Italia.

Rappresenta, inoltre,  il sesto caso di gravidanza portata a termine con successo in seguito ad un trapianto da donatrice deceduta.

La trentunenne madre della neonata era nata priva di utero a causa di una rara malattia congenita, ovvero la “sindrome di Rokitansky”, e per questo motivo si era sottoposta al trapianto di utero. La donatrice fu una trentasettenne che, prima di morire per un improvviso arresto cardiaco, aveva espresso la volontà di donare i propri organi e così, dal nome di questa donna che ha contribuito al concepimento e alla nascita della piccola, è nata Alessandra.

Il trapianto di utero venne eseguito nell’agosto 2020, nel pieno della pandemia, al centro di Trapianti dell’Azienda ospedaliero- universitaria “Policlinico” di Catania, grazie a un’equipe multidisciplinare composta dai Professori Pierfrancesco e Massimiliano Veroux, Paolo Scollo e Giuseppe Scibilia. Dopo l’intervento,  la donna è stata seguita dall’equipe del ginecologo Paolo Scollo al reparto da lui diretto di Ostetricia e ginecologia dell’azienda ospedaliera “Cannizzaro”. E proprio qui gli ora genitori della piccola Alessandra, nata prematura alla trentaquattresima settimana per via degli attacchi febbrili della madre dovuti alla sua positività al Covid, hanno poi iniziato il percorso di fecondazione assistita.

Al momento, madre e figlia sono ancora ricoverate in ospedale, ma le loro condizioni sono definite “stabili” dai medici.

Università di Catania