Scuola

Nuovo concorso straordinario scuola: c’è una data per la prova

concorso scuola
Nuovo concorso straordinario scuola: alcuni emendamenti al Decreto Milleproroghe 2022 tornano a parlare delle prove e stabiliscono una nuova data. Le novità.

Nuovo concorso straordinario: quando ci saranno le prove? Questa nuova selezione, accanto a quella straordinaria già svoltasi nel 2021, per gli insegnanti e le insegnanti con servizio era prevista dal Decreto Sostegni bis. La prova per i candidati avrebbe dovuto svolgersi entro il 31 dicembre 2021, ma ad oggi non è ancora stata espletata. L’obiettivo era quello di immettere gli insegnanti in ruolo già da settembre 2022.

Nuovo concorso straordinario: una nuova data per la prova

Il reclutamento di nuovi insegnanti per settembre 2022 è ancora una priorità. A parlare nuovamente di concorso straordinario sono alcuni emendamenti presentati al Decreto Milleproroghe 2022, che stabilisce una nuova data entro la quale svolgere le prove del concorso scuola. Tali emendamenti, propongono di spostare la data del 31 dicembre 2021 al 31 marzo 2022.

Tuttavia, gli emendamenti devono ancora essere approvati e non è possibile stabilire con certezza se ci sarà il tempo di organizzare le prove del concorso entro la data stabilita. Certo è che il concorso non è stato dimenticato e c’è una buona probabilità che si svolga entro il 2022. Si ricorda che il bando è rivolto a tutti i docenti e le docenti che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, un servizio nelle istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni anche non consecutivi negli ultimi cinque anni scolastici

I posti disponibili

Per quanto riguarda il numero di posti a disposizione, secondo Orizzonte Scuola, dovrebbero essere circa 15 mila. Il Decreto Sostegni bis recitava che sui posti residui sarebbe stato attivato un nuovo concorso straordinario “per un numero di posti pari a quelli vacanti e disponibili per l’anno scolastico 2021/2022 che residuano dalle immissioni in ruolo”.

In generale, si tratta di posti riservati ai docenti precari da assumere nel contingente dei 112mila posti previsti per il 2021/22: “In caso di positiva valutazione del percorso di formazione e della prova conclusiva il candidato è assunto a tempo indeterminato a decorrere dal 1° settembre 2022 sui posti vacanti e disponibili di cui al primo periodo, che sono resi indisponibili per le operazioni di mobilità e immissione in ruolo”

Tramite GAE, concorsi e GPS prima fascia, ne sono stati coperti 59.425.


Scuola, dalla quarantena ai tamponi “fai da te”: le ultime novità