News Sicilia

Infrastrutture in Sicilia, in arrivo 120 milioni: a cosa serviranno

Porto di Riposto
Porto di Riposto
Destinati alla Sicilia 120 milioni per migliorare le infrastrutture: ecco le opere finanziate, anche nella parte orientale dell'Isola.

Nelle scorse ore è arrivato l’ok, in Conferenza Unificata, al finanziamento per gli investimenti infrastrutturali per le Zes (le zone economiche speciali).

I fondi ammontano, in totale, a 630 milioni di euro e riguardano il periodo 2021-2026. Ma a cosa serviranno, nello specifico?  Lo stanziamento punta, in particolare, allo sviluppo di alcune aree del Mezzogiorno.

Sono previsti dei lavori volti al riammodernamento e alla riqualificazione dei porti e dei retroporti, ma anche lavori di urbanizzazione, revisione di immobili già esistenti ed, infine, interventi di urbanizzazione primaria di piazzali e di collegamento alle reti stradali e ferroviarie.

Per la Sicilia sono previsti un piano da 120 milioni ed 8 progetti.  Quali? Eccoli nel dettaglio.

Per la Sicilia Orientale:

  • 11,5 milioni per l’accessibilità del Porto di Riposto,
  • 1,2 milioni per l’accessibilità del Porto di Sant’Agata di Militello,
  • 10,5 milioni per il collegamento dei Porti di Gela e Licata con l’autostrada,
  • 2 milioni per l’accessibilità all’Interporto di Catania,
  • 26,2 milioni per l’accessibilità del Porto di Augusta.

Per la Sicilia Occidentale: 

  • 17,8 milioni per l’accessibilità al Porto e Area industriale di Trapani
  • 36 milioni per il completamento infrastrutturale del Porto di Termini Imerese (nuova banchina per la logistica),
  • 3 milioni per il completamento infrastrutturale del Porto di Termini Imerese (recupero e sistemazione area da destinare alla logistica).