Scuola

TFA Sostegno VI ciclo: ultime info su date e prove

insegnanti di sostegno
TFA Sostegno VI ciclo: quali sono le date della preselettiva e in cosa consisteranno le prove? Una breve guida per tutti coloro che parteciperanno alla selezione.

TFA Sostegno in partenza con circa 22 mila posti a disposizione dei docenti. Ma quali sono le date delle preselettive? E in cosa consisteranno le prove? Vediamo insieme le principali informazioni in merito al VI ciclo del TFA, autorizzato dal Decreto ministeriale 755 del 6 luglio 2021.


TFA Sostegno 2021 al via con 22mila posti: la divisione per università


TFA Sostegno: date preselettiva

La prova preselettiva è prevista per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno. Le date saranno divise in base al grado per cui si concorre. Nello specifico:

  • 20 settembre 2021 – prove scuola dell’infanzia;
  • 23 settembre 2021 – prove scuola primaria;
  • 24 settembre 2021 – prove scuola secondaria I grado;
  • 30 settembre 2021 – prove scuola secondaria II grado.

In cosa consisterà la preselettiva? Si tratterà di un test, della durata di due ore, con 60 quesiti a risposta multipla. Di questi 60, almeno 20 avranno l’obiettivo di valutare le competenze linguistiche dei partecipanti e la comprensione del testo in lingua italiana.

Cinque le opzioni di risposta per il candidato o la candidata, che dovrà scegliere solo una delle risposte a disposizione. La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale 0 punti. 

Prova scritta e orale

Le prove avranno il compito di valutare nei candidati e nelle candidate il possesso delle ⁠competenze didattiche diversificate in funzione del grado di scuola; competenze su empatia e intelligenza emotiva; competenze su creatività e pensiero divergente; competenze organizzative e giuridiche correlate al regime di autonomia delle istituzioni scolastiche.

Nello specifico, le prove dovranno valutare:

  • Competenze socio-psico-pedagogiche diversificate secondo i due gradi di scuola;
  • Competenze su intelligenza emotiva, riferite ai seguenti aspetti: riconoscimento e comprensione di emozioni, stati d’animo e sentimento nell’alunno; aiuto all’alunno per un’espressione e regolazione adeguata dei principali stati affettivi; capacità di autoanalisi delle proprie dimensioni emotive nella relazione educativa e didattica;
  • Competenze su creatività e su pensiero divergente, riferite cioè al saper generare strategie innovative ed originali tanto in ambito verbale linguistico e logico matematico quanto attraverso i linguaggi visivo, motorio e non verbale;
  • Competenze organizzative in riferimento all’organizzazione scolastica e agli aspetti giuridici concernenti l’autonomia scolastica: il Piano dell’Offerta Formativa, l’autonomia didattica, l’autonomia organizzativa, l’autonomia di ricerca e di sperimentazione e sviluppo, le reti di scuole; le modalità di autoanalisi e le proposte di auto-miglioramento di Istituto; la documentazione; gli Organi collegiali: compiti e ruolo del Consiglio di Istituto, del Collegio Docenti e del Consiglio di Classe o Team docenti, del Consiglio di Interclasse; forme di collaborazione inter-istituzionale, di attivazione delle risorse del territorio, di informazione e coinvolgimento delle famiglie. Compito e ruolo delle famiglie.

Prevista, infine, anche una prova orale che sarà incentrata sulla valutazione della motivazione e accerterà ulteriormente le competenze richieste nello scritto.


TFA Sostegno VI ciclo: requisiti e classi di concorso escluse

Rimani aggiornato

Università di Catania