Adrano

Aggressione nel Catanese: donna infastidita da cane picchia vicine

sanzioni-covid-polizia
Succede ad Adrano. Una donna, infastidita dal continuo abbaiare del cane della vicina, decide di inveire contro di lei. La discussione, però, degenera in una vera e propria aggressione.

Grazie all’intervento delle Volanti del Commissariato di Adrano, diretto dal Vice Questore Paolo Leone, si è riusciti a porre fine ad un episodio di violenza che avrebbe potuto avere un epilogo più grave.

A seguito di segnalazione giunta presso il centralino dell’Ufficio di Polizia, gli operatori della Volante si sono recati immediatamente presso un complesso residenziale ubicato in pieno centro cittadino, dove era in atto una vera e propria aggressione ad opera di una donna di 51 anni ai danni di due donne, sorelle, una di anni 27 e l’altra di 31 anni.

I poliziotti, dopo aver bloccato la donna, hanno ricostruito la vicenda, appurando che la lite tra le due donne, che abitano in due appartamenti contigui, è nata dalle lamentele di una delle due donne a causa del continuo abbaiare del cane dell’altra. La discussione è poi degenerata in una vera e proprio aggressione.

Infastidita dal comportamento del cane, pertanto, la donna, in un primo momento ha deciso di inveire contro la proprietaria, per poi passare alle vie di fatto, procurandole dei graffi al viso e al collo. A difesa della ragazza è intervenuta la propria sorella, ma anche questa ha avuto la peggio: in effetti, anche lei ha riportato oltre che dei vistosi graffi al viso, anche la frattura del setto nasale nonché un livido all’occhio destro.

La 51enne è stata denunciata e dovrà rispondere del reato di lesioni personali, aggravato dai futili motivi, per il quale rischia la pena della reclusione da sei mesi a tre anni.

Rimani aggiornato

Università di Catania