Catania

Catania, prolungata l’ordinanza “anti-movida”: le zone coinvolte

Movida Catania
Foto d'archivio.
Divieto di stazionamento nelle zone della movida prolungato anche a questo weekend. Le zone coinvolte e le dichiarazioni di Pogliese.

Continua il divieto di stazionamento in piazze e vie del centro storico di Catania. Malgrado le infrazioni registrate già lo scorso weekend, il controllo degli assembramenti resta essenziale per centrare l’obiettivo zona gialla in Sicilia. Il divieto di permanenza e stazionamento varrà per venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 maggio, a partire dalle ore 18.00 e fino alle ore 05.00 del giorno successivo.

Ordinanza antimovida a Catania: le zone coinvolte

Queste le vie e le piazze coinvolte:

  • piazza Sciuti;
  • piazza Vincenzo Bellini e via Teatro Massimo;
  • piazza Currò;
  • via Gemmellaro;
  • via Santa Filomena;
  • piazza Scammacca;
  • via Pulvirenti.

Viene consentita la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti, ovviamente nel rispetto delle norme anticovid e del divieto di permanenza e assembramento. È autorizzato, inoltre, l’accesso alle abitazioni private per comprovate esigenze lavorative, nonché per situazioni di necessità ovvero motivi di salute disciplinati da specifica normativa anticovid-19. Inoltre, si ricorda che è vietata la vendita di alcolici negli orari serali.


Catania, ancora uno stop alla movida: vendita alcolici vietata la sera


Catania live: le dichiarazioni di Pogliese

“Ci appelliamo ancora una volta al senso di responsabilità dei nostri giovani – ha spiegato il sindaco Salvo Poglieseaffinché rispettino i provvedimenti necessari a prevenire i fenomeni di assembramento. In linea di massima – ha aggiunto il primo cittadino – la scorsa settimana si è riusciti a contenere il fenomeno, anche se qualche eccesso resiste ancora al rispetto di queste regole, nonostante le forze dell’ordine con l’ausilio della protezione civile comunale svolgano un serio lavoro di prevenzione.

Considerato che siamo vicini alla riapertura graduale delle attività e auspicabilmente all’allentamento delle misure di contenimento della pandemia, è opportuno che ci sia uno spirito di reciproca collaborazione per evitare il ripetersi di brutti episodi. La vaccinazione – ha concluso il sindaco – finalmente sta marciando spedita ed è fondamentale che ogni cittadino che rientri nella fascia stabilita, si faccia vaccinare per uscire finalmente da questa tremenda emergenza che mette a repentaglio la nostra salute”.

Rimani aggiornato