Ersu In Copertina

ERSU Catania, online nuovo sito: tutte le novità per gli studenti

ersu catania sito
Online il nuovo sito dell'Ersu, che offre molte funzionalità utili agli studenti universitari. Durante la conferenza stampa, sono stati presentati tutti i vantaggi.

È stato presentato il nuovo sito istituzionale dell’ERSU, l’Ente Regionale Studi Universitari, di Catania. La corrente emergenza sanitaria ha inevitabilmente modificato anche le modalità di eventi come questo: di fatto, gli interessati hanno avuto la possibilità di seguire l’incontro soltanto per mezzo della pagina Facebook dell’Ente.

Comunicare online ed evitare gli spostamenti

“Sono veramente contento del fatto che siamo riusciti a sviluppare in tempi ragionevoli il nuovo sito che soddisfa sicuramente la popolazione studentesca – ha dichiarato Panvini, responsabile Ufficio Stampa  -. Abbiamo spesso chiesto suggerimenti, consigli ai nostri utenti che sono, poi, i fruitori dei servizi che l’ERSU concede.

Questo sito è immediatamente intuitivo. Grazie ai social network noi abbiamo ottenuto grandi risultati e apprezzamenti da parte della popolazione studentesca che può benissimo evitare di venire qui per porre delle domande, rivolgendo i propri quesiti all’interno della pagina Facebook. Così, si evitano spostamenti e trasferimenti: è qualcosa di utile soprattutto in un periodo come questo”.

Anche il Prof. Salvatore Cannizzaro, vicepresidente dell’Ersu, ha espresso la sua soddisfazione in merito: questa nascerebbe soprattutto dai commenti positivi con cui è stato accolto il nuovo sito. Secondo quanto annunciato, il sito non solo semplificherà di gran lunga la vita degli utenti ma fornirà una migliore immagine dell’ERSU.

Per noi è una rinascita perché la comunicazione è fondamentale e, se non è fatta bene, non aiuta – ritiene Cannizzaro –. Noi abbiamo voluto realizzare questo nuovo percorso e rimettere insieme una struttura digitale attraverso il nuovo sito ed i social network proprio perché hanno dimostrato di aiutare e venire incontro agli studenti. Non ci sono più file di centinaia di metri davanti la nostra sede. Con questo sistema, ultimamente, siamo riusciti a calendarizzare gli appuntamenti ed i ragazzi ora hanno l’opportunità di ‘entrare’ virtualmente nelle stanze e risolvere i propri problemi.

Ritengo che sia necessario procedere su questo percorso – ha concluso il vicepresidente –, coinvolgendo anche gli operatori del settore dalla stampa perché ciò aiuterebbe a comunicare con gli studenti ed ottenere informazioni in tempo reale ed in maniera esatta”.

Tutte le nuove funzionalità

Quali sono le novità introdotte con il nuovo sito ERSU? È Rosanna La Malfa, la webmaster che ha realizzato il nuovo portale, a presentarle.

Si tratta di un servizio attivo h24. Avevamo già la pagina Facebook, da quest’anno siamo anche su Instagram e rispondiamo via direct message agli studenti – ha annunciato Rosanna La Malfa – . Gli studenti avranno la possibilità di contattare, con un click e direttamente dal proprio smartphone, il centralino per poter parlare con gli uffici. Tra una settimana sarà possibile scrivere su Messenger direttamente sul sito”.

E quest’ultima non sarebbe l’unica novità legata alla nascita del nuovo sito Internet. Di fatto, quest’ultimo (definito “cuore dell’ente” nel corso della conferenza stampa) si distinguerà per il suo essere accessibile anche ai diversamente abili. Inoltre, esso non sarà riservato esclusivamente agli studenti universitari che già conoscono ERSU, bensì è pensato anche per i maturandi che, in tal modo, potranno scoprire benefici e servizi offerti.

La logica con cui è stato realizzato il portale è ottenere informazioni con un massimo di tre click: è quanto precisato da Rosanna La Malfa che, nel corso del suo intervento, ha dedicato particolare attenzione alla descrizione dell’homepage del nuovo sito.

Questa, che va immaginata come un indice del sito, è rappresentata da un’area dedicata con all’interno le ultime news che riguardano lo studente. I visitatori, poi, potranno trovare qui un calendario di prenotazione, oltre che scrivere all’email ufficiale in maniera più agevole, senza cercare il contatto altrove. Presenti, inoltre, anche i numeri di telefono utili per ricevere assistenza durante gli orari d’ufficio.

La donna ha, infine, precisato un dettaglio rilevante: sarà raggiungibile in maniera immediata il portale degli studenti, “fondamentale per accedere ai benefici che l’ente offre”.

 Ma quale sarebbe il vero punto di forza del sito a cui gli studenti danno il benvenuto e sui ripongono le proprie aspettative?

“Sicuramente è l’immediatezza – dichiara – : è tutto facilmente comprensibile e serve a fare in modo che lo studente si muova il meno possibile da casa ma, al tempo stesso, che questo abbia tutto ciò che gli serve in tempo quasi reale”.

In caso di anomalie, gli studenti potranno contattare l’ente attraverso la pagina Facebook o le email di dirigenti e dipendenti presenti online: così potranno ottenere in tempi rapidi le risposte che chiedono.

Il nuovo sito e le segnalazioni degli studenti

La webmaster non ha dimenticato nemmeno di menzionare una preziosa possibilità riservata a chiunque visiterà il sito. In effetti, a conclusione dell’incontro, è stata fatta menzione dei modi attraverso i quali sarà possibile fornire un giudizio sul mezzo appena nato.

“Essendo andato online da poco, la crescita dell’appeal del sito non è tracciabile – ha ammesso Rosanna La. Malfa – . In merito a questo, abbiamo creato dei moduli per mezzo dei quali lo studente potrà valutare tutte le aree del sito internet. Inoltre, abbiamo creato una mail dedicata alla quale gli studenti potranno richiedere informazioni, fornire feedback in risposta all’utilizzo del sito e dare consigli all’Ente.

L’interfacciarsi, quasi in tempo reale, con UNICT – conclude Rosanna La Malfa – potrebbe essere un trampolino di lancio e un’accelerazione maggiore del rapporto studente-Ente”.

A proposito dell'autore

Marzia Gazzo

Marzia Gazzo nasce a Catania il 6 giugno 1998. Studia Lettere Moderne e collabora con la testata LiveUnict da maggio 2018. Ama leggere belle parole, ascoltare storie e raccontare la verità.

Rimani aggiornato