Università di Catania

Murales per la fratellanza alla Caritas: le opere degli studenti [VIDEO]

Caritas Catania, sull'Help Center due murales realizzati dagli studenti dell'Accademia delle Belle Arti.

Sono stati inaugurati giovedì 25 marzo alla Caritas Catania i due murales realizzati dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Catania. Le opere sono ispirate alla fratellanza umana e si trovano sulle pareti esterne dell’Help Center.

La scelta delle opere arriva dopo un concorso di idee lanciato tra gli studenti dell’Accademia. Alla fine sono state realizzate Angelo Misericordioso di Maria Santoro, collocato sulla parete dell’ingresso dell’Help Center, e La gioia del donare di Leandro Villino, che si trova sulla parete laterale. Oltre a segnare l’Help Center di Catania con due opere che trasmettono l’amore verso il prossimo, il lavoro ha permesso agli studenti di tornare a operare in un laboratorio all’aperto.

Undici in tutto gli studenti che hanno preso parte al progetto. Tra loro, c’è chi ha realizzato i due interventi di urban art e chi ha documentato con foto e video l’intero iter creativo, durato in tutto una ventina di giorni. Il video è stato realizzato dagli studenti del corso di fotografia dell’Accademia di Belle Arti di Catania: Mattia Longhitano, Federica Chiara e Annita Del Zoppo. Hanno collaborato anche Federica D’Agostino, Giuseppina La Valle e Marianoemi Daquino.

Il murales sulla fratellanza rappresenta per l’Accademia più di un motivo di orgoglio – ha detto Lina Scalisi, presidente Accademia Belle Arti di Catania -. Per il messaggio che trasmette, ora più che mai fondamentale in una crisi che ha avuto inevitabili ripercussioni sui concetti di solidarietà e accoglienza. Per il rapporto virtuoso che ha aiutato a cementare con la Caritas, ente sempre in prima linea per la difesa degli ultimi. E per il rapporto con la città che, grazie a questo atto di riqualificazione di uno spazio pubblico, conoscerà un’altra opera di ingegno dei nostri studenti. L’Accademia è Catania, ancora una volta”.


Catania, la pandemia per i senzatetto: “Chi ha perso il lavoro non ha una casa”

Rimani aggiornato