Scuola

Maturità 2021: “Sarà un esame vero, non di emergenza”

maturità 2021
La Maturità sarà un vero e proprio esame, e non un esame di emergenza: a dichiararlo è il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, che ha commentato le prove.

“Quella di quest’anno – ha detto ancora il ministro – sarà una prova di maturità vera”, a dichiararlo è il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ai microfoni di Uno Mattina, su Rai1.

Abbiamo abbandonato l’idea – ha affermato il Ministro – che si lavorava 5 anni e poi arrivava una busta con i temi e si faceva una sorta di lotteria. I ragazzi avranno un mese per poter svolgere il loro lavoro prepararlo e consegnarlo; la prova inizierà con la discussione di questo lavoro. Non è un esame all’acqua di rose né di emergenza: è una prova di maturità in cui i ragazzi potranno dimostrare come sono cresciuti, è un passaggio in avanti, non ci siamo messi all’angolo, è un esame di maturità vero”.

Il ministro ha rilasciato dichiarazioni anche in merito alla possibile riapertura delle scuole: “La scuola tornerà in presenza e in sicurezza il prima possibile. Abbiamo tenuto aperto il I ciclo fino allo stremo”.

Bisogna essere ancorati alla realtà – ha continuato – : tutti volevamo tenerle aperte le scuole, abbiamo tenuto le attività in presenza fino allo stremo, abbiamo tenuto i bambini in presenza fintantoché è stato possibile. Stiamo lavorando per riportare la scuola in presenza e in sicurezza il prima possibile. Non sono decisioni a cuor leggero ma lo abbiamo fatto con senso di responsabilità. Sono scelte in cui tutto il paese deve essere presente”.

“Questa è una storia nuova, il virus è cambiato, la variante inglese colpisce i bambini, non li esclude come era al primo giro, i nostri figli e nipoti sono a rischio: con responsabilità abbiamo dovuto mettere questa bandiera rossa. Questo pericolo insieme lo vinceremo”.

Rimani aggiornato