Scuola

Scuola, professore non indossa mascherina in classe: intervengono i carabinieri

Un professore di un liceo di Mantova rifiutava di indossare la mascherina in classe durante le sue lezioni: è scattato l'intervento degli agenti ed un verbale.

Rifiutava di indossare la mascherina in classe durante le lezioni: il comportamento di un docente ha spinto la dirigente dell’istituto a richiedere l’intervento dei carabinieri. È quanto accaduto al liceo di Scienze applicate Fermi di Mantova. Secondo le ultime indiscrezioni, il professore di Storia e Filosofia, Mauro Mortana, portava avanti ormai da mesi le sue lezioni senza indossare il dpi, e in alcune occasioni si era anche vantato di non averla con sé o di aver superato tranquillamente i controlli nelle grandi città.

Il docente si è detto refrattario al rispetto delle regole in materia di prevenzione da Covid-19, asserendo che l’obbedienza cieca delle persone provoca tragedie come quella della Shoah. Affermazioni di questo tipo sarebbero state pronunciate dal professore dell’istituto che, secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, avrebbe raccontato ai suoi alluni anche di una visita a Milano senza mascherina, dichiarando con vanto di non essere stato fermato o multato.

Proprio in seguito alle continue lezioni in presenza senza dispositivi di protezioni, la preside del liceo, si è rivolta ai carabinieri che una volta sul posto hanno combinato al docente la multa prevista. Dopo il verbale, il professore avrebbe continuato la sua lezione indossando la mascherina nel modo scorretto, ovvero lasciando appositamente scoperti naso e bocca.

Il comportamento del docente ha scatenato alcune reazioni da parte di alunni e genitori. Alcune mamme, infatti, si sono dette pronte ad intervenire lì dove il docente sia ancora fermo sulle sue idee, non avendo cura dei propri studenti che mette quotidianamente a rischio. Il docente di storia inoltre, non solo avrebbe asserito che la mascherina provoca danni, ma avrebbe anche paragonato le disposizioni che richiedono di indossare il dispositivo di sicurezza alle leggi razioni del ventennio fascista italiano.

Rimani aggiornato