News

Coronavirus, gli esperti: “Immunità di gregge nel 2023”

nuovo decreto d
ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Arrivano gli ultimi dati sulla campagna vaccinale e si stima che, ad oggi, l'immunità di gregge potrebbe arrivare non prima del 2023. Ecco i dati.

Il rapporto settimanale della Fondazione Hume ha fatto una nuova stima su quando potremmo finalmente raggiungere l’immunità di gregge. Stando agli ultimi dati sulle vaccinazioni, questa data corrisponderà all’incirca al dicembre del 2023. Il valore del DQP, calcolato dalla Fondazione, sarebbe migliorato rispetto a quello della settimana scorsa per cui avremmo raggiunto l’immunità di gregge a maggio 2024.

Immunità di gregge: le stime

Di immunità di gregge e di stime si parla fin dall’inizio della campagna di vaccinazione. Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge. Questa, secondo Zampa, sarà raggiunta a settembre-ottobre prossimi. Tuttavia, la fondazione sottolinea che, per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).

L’indice della Fondazione Hume si propone di fornire, ogni lunedì, un’idea indicativa della velocità con cui procede la vaccinazione, indicando l’anno e il mese in cui si potrà raggiungere l’immunità di gregge procedendo “di questo passo”. Chiaramente le stime possono cambiare sulla base della velocità di somministrazione dei vaccini. Per accelerare i tempi, si sta pensando di coinvolgere i medici di base nella vaccinazione che, ad oggi, sono esclusi.


Coronavirus, il virologo Crisanti: “Serve lockdown alla vigilia della terza ondata”